VIVO D’ARTE: SCADENZA PROROGATA AL 15 APRILE

VIVO D’ARTE: SCADENZA PROROGATA AL 15 APRILE

ROMA\ aise\ - È stato prorogato al 15 aprile il termine per partecipare alla prima edizione di “Vivo d’arte – arti performative”, premio nelle discipline del teatro, della musica e della danza contemporanee, riservato ad artisti di nazionalità italiana, con meno di 36 anni, residenti stabilmente all’estero da almeno due anni.
Istituito dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il Premio ha l'obiettivo di fornire uno strumento di visibilità e promuovere la collaborazione tra gli artisti italiani e la scena culturale del paese di residenza, stimolando la produzione di nuove opere che sviluppino il tema della contaminazione e del dialogo tra culture e che prevedano il coinvolgimento di artisti locali.
Per il concorso-premio “Vivo d'arte”, riservato a giovani al di sotto dei 36 anni, sono previste due distinte sezioni: una dedicata alle arti performative (musica, teatro, danza contemporanee), l’altra alle arti visive (arti figurative, scultura, video arte), in collaborazione rispettivamente con la Fondazione Romaeuropa e con il Museo d'Arte Moderna di Bologna e con la partecipazione del MiBAC.
L'iniziativa – sottolinea il Maeci – vuole anche creare una rete di artisti italiani all’estero e dare un segnale di attenzione verso la nuova emigrazione italiana, valorizzando in chiave contemporanea due tratti distintivi dell’Italia nel mondo: la sua creatività e la capacità delle sue eccellenze artistiche di esprimersi anche al di fuori dei confini nazionali.
Il progetto artistico vincitore del premio “arti performative” sarà presentato nell’ambito della 34° edizione del Romaeuropa Festival, in programma a Roma dal 18 settembre al 24 novembre 2019; la scadenza per l’invio del progetto candidato – inizialmente fissata al 31 marzo – è ora prorogata al 15 aprile.
L’artista vincitore sarà ospitato per una residenza artistica presso il Museo d'Arte Moderna di Bologna (MAMbo); l’opera realizzata durante il soggiorno in Italia potrà entrare a far parte della Collezione Farnesina di Arte Contemporanea. (aise) 

Newsletter
Archivi