“GIUSEPPE UNCINI / TERMOLI 2019”: INAUGURATA LA MOSTRA AL MACTE DI TERMOLI

 “GIUSEPPE UNCINI / TERMOLI 2019”: INAUGURATA LA MOSTRA AL MACTE DI TERMOLI

TERMOLI\ aise\ - “Giuseppe Uncini / Termoli 2019”. È questo il titolo della mostra dedicata a Giuseppe Uncini a cura di Arianna Rosica e Gianluca Riccio che, inaugurata ieri al MACTE - Museo di Arte Contemporanea di Termoli, resterà aperta la pubblico fino al 12 gennaio 2020.
Si tratta del primo progetto espositivo della programmazione per il biennio 2019 – 2020 del neonato museo molisano, inaugurato lo scorso aprile con un nuovo allestimento curato da Laura Cherubini e Arianna Rosica della collezione dello storico Premio Termoli.
In continuità con il progetto di riscoperta e rilettura scientifica delle oltre 470 opere appartenenti al patrimonio del Premio Termoli avviato dal MACTE al momento della sua apertura, la mostra dedicata allo scultore e pittore di Fabriano morto nel 2008 si configura come la prima di una serie di esposizioni personali dedicate ai principali esponenti della ricerca artistica italiana che nel corso del tempo hanno partecipato al Premio – istituito nel 1955 – generando opere che sono entrate a far parte del patrimonio del Comune molisano.
Seguendo tali linee guida, l’obiettivo che il MACTE intende perseguire a partire dalla mostra “Giuseppe Uncini / Termoli 2019” è quello di valorizzare la storia del Premio Termoli, rendendo la Collezione Permanente del Museo luogo e punto di partenza per un dialogo e un confronto tra artisti di diverse generazioni, grazie a un programma espositivo che, accanto agli approfondimenti sui maestri dell’arte italiana degli anni Sessanta e Settanta, contempli la realizzazione di una serie di mostre dedicate ad artisti contemporanei, aperte a linguaggi differenti, dal design all’architettura, dalla video arte alla fotografia.
La mostra raccoglie undici opere appartenenti ai diversi periodi della ricerca del maestro marchigiano, dalle sperimentazioni dei primi anni Sessanta, caratterizzate dall’uso del cemento armato come elemento centrale della sua scultura, alla parentesi pittorica connessa alla riflessione sulle strutture primarie e sull’ombra della metà degli anni Settanta, sino alle soluzioni più mature degli anni a cavallo tra Novanta e Duemila, in cui il rapporto con l’architettura e con lo spazio – espositivo e ambientale – è andato definendosi come fulcro della sua produzione.
Le opere di Uncini selezionate dai due curatori sono di diverse dimensioni e tecniche: dalle grandi sculture appartenenti al ciclo degli Spazi-ferro e degli Spazi-cemento, alle inedite e originali sculture in ceramica e ferro dei primi anni Duemila. E saranno distribuite all’interno della grande sala centrale del MACTE in un percorso espositivo circolare progettato dal designer Andrea Anastasio che, oltre a proporsi come un tragitto punteggiato da opere emblematiche dei diversi cicli di ricerca dell’artista di Fabriano, sarà in grado di restituire allo spettatore tutta la duttilità creativa di Uncini assieme alla sua capacità di adottare, all’interno di una continuità formale e poetica, soluzioni linguistiche e materiali continuamente differenti.
In occasione della mostra verrà pubblicato inoltre un catalogo, a cura di Arianna Rosica e Gianluca Riccio, che verrà presentato in autunno all’interno del programma di appuntamenti MACTE incontri, che con cadenza mensile animeranno la mostra per tutta la sua durata. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi