APRE IL NUOVO MUSEO ARCHEOLOGICO DI STABIAE

CASTELLAMARE DI STABIA\ nflash\ - “Oggi è un giorno di festa, apre un nuovo Museo”: così il ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, nel giorno in cui a Castellamare di Stabia è stato inaugurato il nuovo Museo archeologico di Stabiae, intitolato a Libero D’Orsi. Alla cerimonia di inaugurazione, avvenuta il 24 settembre alla presenza del direttore del Parco Archeologico di Pompei, Massimo Osanna, il ministro Dario Franceschini ha inviato il suo messaggio di saluto e di ringraziamento. Numerosi i reperti in mostra, alcuni mai esposti prima in Italia, tra affreschi, pavimenti in opus sectile, stucchi, sculture, terrecotte, vasellame da mensa, oggetti in bronzo e in ferro, in parte già ospitati nell’Antiquarium stabiano, allestito nel centro cittadino da Libero d’Orsi e chiuso al pubblico dal 1997. Stabiae è un'altra delle città sepolte dal Vesuvio nel 79 d.C., insieme a Pompei ed Ercolano. L’operazione, curata e promossa dal Parco Archeologico di Pompei con l’organizzazione di Electa, restituisce al patrimonio italiano il più antico sito reale borbonico, insieme a preziose testimonianze della vita che si svolgeva nelle ville romane d’otium (lussuose residenze finalizzate al riposo, del corpo e dello spirito, dalle attività e dagli affari) e nelle ville rustiche (simili nella concezione alle moderne fattorie), site in posizione panoramica con “vista” sul Golfo di Napoli. (nflash) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi