IN EUROPA RISALGONO I CONTAGI DA CORONAVIRUS. ECDC: “SIAMO QUASI AI LIVELLI DI MARZO” - DI FABIANA LUCA

BRUXELLES\ nflash\ - “I casi di contagio da Coronavirus in Europa sono tornati quasi ai livelli visti a marzo, quando la pandemia ha iniziato a diffondersi nel continente. La crescita del tasso di notifica è consolidata da circa cinque settimane, se pure si tratta di un aumento dei contagi con un andamento più lento rispetto a quello registrato a marzo”. A parlarne è in un pezzo di Fabiana Luca pubblicato ieri su “EuNews”, quotidiano online diretto a Bruxelles da Lorenzo Robustelli. “Il virus non ha dormito durante l’estate. Non è andato in vacanza”, ha detto alla commissione per la sanità pubblica (ENVI) dell’Europarlamento Andrea Ammon, direttrice del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC). I dati di questa settimana mostrano che in tutta Europa ci sono stati 46 casi ogni 100 mila individui. “Siamo quasi tornati ai numeri che abbiamo visto a marzo”, ha ammonito Ammon, riferendosi al periodo in cui le infezioni in Europa hanno iniziato a crescere passando da circa 40 ogni 100 mila persone fino a circa 70 ogni 100 mila registrati alla fine di aprile. In seguito alle misure restrittive adottate dai governi europei per fermare l’andamento dei contagi, il tasso di notifica dei positivi aveva ricominciato a scendere. L’allentamento progressivo delle misure restrittive in vista della stagione turista ha portato con sé un nuovo aumento dei contagi. (nflash) 

Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli