LA BREXIT FRENA IL CIBO MADE IN ITALY

ROMA\ nflash\ - Per la prima volta nel 2019 le esportazioni alimentari Made in Italy sono stagnanti per effetto soprattutto del crollo del 17,1% in Gran Bretagna causato dalla svalutazione della sterlina legata alle ipotesi di Brexit senza accordo del Regno Unito dall’Unione Europea. È quanto emerge da una analisi Coldiretti sulla base dei dati Istat sul commercio estero relativi al mese di giugno, secondo i quali a risentire delle tensioni tra Londra e la Ue è anche l’intero export tricolore, che cala del 2,4% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Una situazione che potrebbe peggiorare, denuncia Coldiretti, in caso di No Deal con l’arrivo di dazi e ostacoli amministrativi alle esportazioni.(nflash) 

Newsletter
Archivi