PAPA FRANCESCO: DIO CI CAREZZA CON LA SUA MISERICORDIA

ROMA\ nflash\ - “Dio ci carezza con la sua misericordia”, ci “si manifesta quando appare la misericordia, perché quello è il suo volto. Gesù si fa servo dei peccatori e viene proclamato Figlio; si abbassa su di noi e lo Spirito scende su di Lui. Amore chiama amore. Vale anche per noi: in ogni gesto di servizio, in ogni opera di misericordia che compiamo Dio si manifesta, Dio pone il suo sguardo sul mondo”. Questo il messaggio che Papa Francesco ha affidato alla recita dell’Angelus che si è svolta ieri, domenica 10 gennaio, nella Biblioteca del Palazzo Apostolico, in ottemperanza alle misure di contenimento del Covid. “Oggi festeggiamo il Battesimo del Signore”, ha esordito il Papa. “Abbiamo lasciato, pochi giorni fa, Gesù bambino visitato dai Magi; oggi lo ritroviamo adulto sulle rive del Giordano. La Liturgia ci fa compiere un salto di circa trent’anni, trent’anni di cui sappiamo una cosa: furono anni di vita nascosta, che Gesù trascorse in famiglia – alcuni, prima, in Egitto, come migrante per fuggire dalla persecuzione di Erode, gli altri a Nazaret, imparando il mestiere di Giuseppe –, obbedendo ai genitori, studiando e lavorando. Colpisce che la maggior parte del tempo sulla Terra il Signore lo abbia passato così, vivendo la vita di tutti i giorni, senza apparire. Pensiamo che, secondo i Vangeli, sono stati tre gli anni di prediche, di miracoli e tante cose. Tre. E gli altri, tutti gli altri, di vita nascosta in famiglia. È un bel messaggio per noi: ci svela la grandezza del quotidiano, l’importanza agli occhi di Dio di ogni gesto e momento della vita, anche il più semplice, anche il più nascosto”. (nflash) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi