PELAGIO PALAGI A TORINO: MEMORIA E INVENZIONE NEL PALAZZO REALE

TORINO\ nflash\ - È l’eclettico Pelagio Palagi, disegnatore, architetto e pittore, il protagonista della mostra autunnale dei Musei Reali di Torino. Dal 9 novembre scorso e sino al 9 febbraio 2020 lo Spazio Scoperte della Galleria Sabauda ospita la mostra "Pelagio Palagi a Torino. Memoria e invenzione nel Palazzo Reale", che approfondisce l’attività svolta dall’architetto bolognese a Torino, dal 1832, in qualità di "Pittore preposto alla decorazione dei Reali Palazzi" per Carlo Alberto di Savoia. Il Palazzo Reale di Torino è per eccellenza il luogo in cui l’arte di Palagi ha raggiunto la massima espressione: l’architetto riallestì la residenza per i Savoia, conferendo alla struttura un nuovo e monumentale aspetto, allineato alle nuove esigenze legate alle grandi ambizioni del sovrano e al cerimoniale di corte. Un lavoro che oggi potremmo definire di restyling, eseguito anche grazie anche alla collaborazione di un team di pittori (Francesco Gonin, Carlo Bellosio), scultori e stuccatori (Giuseppe Gaggini, Francesco Somaini, Diego Marielloni), ebanisti (Gabriele Capello detto il Moncalvo), bronzisti (ditte Colla e Odetti, Manfredini e Viscardi). Cuore della mostra sono i trentuno fogli della Biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna messi in dialogo, dove possibile, con le opere a cui si riferiscono. (nflash) 

Newsletter
Archivi