Unical e MAECI per il Turismo delle Radici

ROMA\ nflash\ - Un Master universitario che crei competenze e professionalità specifiche per accogliere in Italia un turismo specifico: quello delle radici. Un turismo “emozionale” mirato a coinvolgere gli italiani e gli italo-discendenti nel mondo e che comporta, e può comportare ancora di più in futuro in vista della ripresa post-covid, una grande spinta per il settore. ROMA\ aise\ - Un Master universitario che crei competenze e professionalità specifiche per accogliere in Italia un turismo specifico: quello delle radici. Un turismo “emozionale” mirato a coinvolgere gli italiani e gli italo-discendenti nel mondo e che comporta, e può comportare ancora di più in futuro in vista della ripresa post-covid, una grande spinta per il settore. È questa l’assunto base dal quale parte il “Master in Progettazione e gestione dei viaggi delle radici”, presentato ieri sera, 3 marzo, dall’Università della Calabria in un webinar al quale hanno preso parte, oltre ad alcuni futuri studenti dal Brasile, dall’Argentina e dal Belgio, e oltre a diversi parlamentari (tra cui l’eletto all’estero del Pd, Nicola Carè), e alcuni sindaci del territorio calabrese, anche il Direttore Generale per gli Italiani all’Estero del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Maria Vignali, e il consigliere Giovanni Maria De Vita, sempre della DGIT della Farnesina. (nflash)