Bielorussia/ Garavini (IV) chiede chiarezza sulla morte di Shishov: repressione del dissenso sempre più cruenta

ROMA\ aise\ - “La repressione in Bielorussia diventa sempre più cruenta. La tragica vicenda dell'attivista Vitaly Shishov, trovato impiccato in un parco, merita chiarezza e verità”, tuona Laura Garavini, senatrice di Italia Viva eletta in Europa e vicepresidente della commissione Esteri.
“Non possiamo assistere alla sistematica violazione dei diritti umani più fondamentali”, continua Garavini. “Non possiamo accettare che i dissidenti, per rimanere in vita, debbano scappare dal proprio paese, come sta accadendo in queste ore all'atleta Krystsina Tsimanouskaya, impegnata nei Giochi olimpici di Tokyo 2020, che”, ricorda la senatrice, “ha ottenuto un visto umanitario dalla Polonia per lasciare definitivamente la Bielorussia e continuare la sua carriera senza subire ritorsioni“. (aise)