“COMPRESSO L’ESAME PARLAMENTARE”: LA CONSULTA DECIDE SULL’AMMISSIBILITÀ DEL RICORSO DEL PD CONTRO LA LEGGE DI BILANCIO

“COMPRESSO L’ESAME PARLAMENTARE”: LA CONSULTA DECIDE SULL’AMMISSIBILITÀ DEL RICORSO DEL PD CONTRO LA LEGGE DI BILANCIO

ROMA\ aise\ - Il ricorso del Pd contro l’iter che ha condotto all’approvazione della Legge di Bilancio sarà giudicato mercoledì prossimo 9 gennaio, dalla Corte Costituzionale che, in Camera di Consiglio, sarà chiamata a valutare “l’ammissibilità del ricorso per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato promosso dal senatore Andrea Marcucci - in proprio e quale capogruppo del gruppo parlamentare del Partito Democratico in Senato - nonché da altri 36 senatori (Reg. Confl. poteri 8/2018 – fase di ammissibilità)”.
Marcucci e i senatori Pd, spiega la Corte, “investono la Corte costituzionale per la dichiarazione di non spettanza al Governo, al Presidente della V Commissione Bilancio del Senato della Repubblica, alla Conferenza dei Capigruppo del Senato della Repubblica, al Presidente del Senato della Repubblica, all’Assemblea del Senato della Repubblica degli atti e comportamenti relativi all’approvazione del disegno di legge di bilancio nell’iter costituzionalmente previsto, come svoltosi presso il Senato della Repubblica. Le lamentele si appuntano innanzitutto sulla presentazione da parte del Governo del testo della manovra di bilancio in forma di maxi-emendamento senza rispettare le scadenze previste dalla legislazione vigente in attuazione degli articoli 81, 97, primo comma, e 72, comma quarto, della Costituzione”.
La parte centrale del ricorso “è rivolta all’organizzazione e ai tempi dei lavori del Senato e alle concrete modalità in cui questi si sono svolti, che, secondo i ricorrenti, avrebbero precluso l’acquisizione di un’adeguata conoscenza dei contenuti normativi, di formarsi un’opinione su di essi e di discuterli, anche al fine di proporre emendamenti o comunque di esprimere un voto consapevolmente favorevole o contrario ai sensi dell’articolo 72, primo comma, della Costituzione”.
Marcucci e gli altri senatori firmatari “denunciano la lesione della sfera di attribuzioni costituzionali spettanti ai singoli membri del Senato della Repubblica e ai gruppi parlamentari e in particolare alle minoranze parlamentari con riferimento alla loro partecipazione al procedimento legislativo, evocando gli articoli 72, primo comma, e 67 della Costituzione nonché il principio di leale collaborazione tra poteri dello Stato”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi