ONLINE IL NUOVO NUMERO DI “PRIMA DI TUTTO ITALIANI”

ONLINE IL NUOVO NUMERO DI “PRIMA DI TUTTO ITALIANI”

ROMA\ aise\ - “Il satrapo”. Questa l’apertura del nuovo numero di “Prima di Tutto Italiani”, mensile online del Ctim diretto da Francesco De Palo che dedica la prima pagina alla politica estera dell’Italia, “caratterizzata – scrive il direttore – dal rischio sempre più concreto che gli ammiccamenti del ministro Di Maio, che spera in favori dalla Turchia e dalla Cina, mettano a serio rischio i nostri interessi nazionali nell’euromediterraneo”.
“Era una vecchia abitudine dell’Impero Ottomano”, si legge nel fondino di apertura, “conquistare una città e impiantarvi un satrapo che facesse gli interessi dei nuovi padroni. Oggi è il rischio che corre l’Italia, dove il titolare della Farnesina potrebbe essere travolto dalle sue relazioni “sciolte” e disinvolte con Cina e Turchia. Il nostro paese è in difficoltà per quanto riguarda i suoi interessi strategici: in Libia, dove opera l’Eni, siamo sorpassati proprio da Ankara. Medesimo scenario alla voce infrastrutture dove Pechino ha messo gli occhi sul porto di Taranto, nell’ambito del pericoloso tandem Via della Seta-5G. Non più una semplice privatizzazione, ma l’azione di forza da parte di una potenza straniera contro utilities di rilevanza nazionale. Ce n’è abbastanza per un ripasso di storia, utile a tutti”.
Da segnalare sul nuovo numero l’intervista all’ambasciatore Giulio Terzi di Sant’Agata, ex ministro degli esteri, sul pericolo cinese in Italia; l’intervento dell’europarlamentare Raffaele Fitto, co-presidente dell’ECR, sulla nomina al vertice del partito europeo di Giorgia Meloni; il fondo di Roberto Menia sull’incapacità del governo Conte di gestire l’emergenza sanitaria ed economica; la storia di iCarry, la “Amazon tricolore” nata dall’idea di due ragazzi romani.
Il nuovo numero, online da oggi, è disponibile qui. (aise) 

Newsletter
Archivi