FRIULANI NEL MONDO: CONCLUSO IL CORSO “ORIGINI ITALIA”

FRIULANI NEL MONDO: CONCLUSO IL CORSO “ORIGINI ITALIA”

TRIESTE\ aise\ - Si è concluso il 6 aprile scorso il 18mo corso “Origini Italia. Dalle memorie del passato, alle sfide del presente e alle speranze del futuro”, master in Export Management e sviluppo imprenditoriale organizzato dal Mib Trieste con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia e dell’ICE. I 18 partecipanti - giovani discendenti di emigrati italiani provenienti da Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Messico, Perù, Stati Uniti, Sudafrica e Uruguay - hanno ricevuto il diploma e i tre migliori progetti realizzati durante il corso sono stati premiati durante la cerimonia conclusiva. I ragazzi hanno completato un percorso di cinque mesi tra apprendimento teorico in aula e stage operativo presso aziende interessate ad espandere la propria attività all’estero.
La Regione è stata rappresentata alla cerimonia dall'assessore ai Corregionali all'Estero Pierpaolo Roberti, il quale ha confermato di credere molto in questa iniziativa che valorizza le peculiarità e il substrato economico di un territorio che, tra dopoguerra e post terremoto, ha subito ondate emigratorie talmente importanti che, allo stato attuale, sono più i friulani e giuliani radicati in tutti i cinque continenti, che quelli residenti nell'estremo Nordest d'Italia.
Alla presenza del direttore del corso “Origini Italia” Stefano Pilotto, del direttore scientifico Vladimir Nanut, del vicepresidente dei “Giuliani nel Mondo” Eugenio Ambrosi e del consigliere delegato del Mib Claudio Sambri, è stato sottolineato quanto l'eccellente lavoro di collante delle sette associazioni riconosciute contribuisca a mantenere rapporti che, attraverso questo corso, garantiscono accrescimento professionale a coloro i quali hanno radici italiane e sviluppi bilaterali concreti a tutto vantaggio dell'economia nazionale e regionale.
A questo proposito, nella legge di Stabilità 2019 la Regione ha aumentato di oltre il 40% il sostegno al corso, con l'obiettivo di garantire solidità e continuità alla programmazione di un'iniziativa considerata in grado di creare opportunità di relazioni e di promozione del Friuli Venezia Giulia.
I tre progetti premiati sono stati: quelli dello statunitense Ryan Anthony Prosper (di famiglia laziale) per la Saratoga di Pordenone; quello della brasiliana Gabriela Carminatti (di famiglia sacilese) per la Biovalley Investments di Trieste; e infine quello dell'argentina Florencia D'Alessandro (di famiglia abruzzese) per la Natuzzi Italia di Bari.
Hanno preso parte al corso “Origini Italia” 2018 anche Matias Rodrigo Barrera Garcia (proveniente dal Cile, di famiglia originaria del Piemonte, stage presso le Acciaierie Bertoli Safau di Buttrio), Gregory Bitti da Vitoria (Brasile, Fvg, Wartsila di Trieste), Ana Carolina Cargnelutti (Argentina, Fvg, Cotton Club di Fabriano), Augustina Belen Castracane Felici (Argentina, Veneto, Gruppo vinicolo Santa Margherita di Fossalta di Portogruaro), Eliana Comesana (Uruguay, Piemonte, Bartolin Kemo di Porcia), Franco Renato Costa Cifuentes (Perù, Liguria, Illycaffè di Trieste), Josè Ramon Ferrari Fuentes (Messico, Fvg-Campania, Bazzara Espresso di Trieste), Enzo Forgiarini (Sudafrica, Fvg, Gruppo vinicolo Santa Margherita di Fossalta di Portogruaro), Gabriel Kummer Carrer (Brasile, Veneto-Fvg-Trentino AA, Dok Dall'Ava di San Daniele del Friuli), Laura Cristina Maffei (Brasile, Trentino AA, Gatto Astucci di Domegge di Cadore), Daniel Orlando Pena (Colombia, Calabria, Nmg Europe di Gorizia), Elena Pellizza Junyent (Uruguay, Lombardia, Gazel di Udine), Riccardo Romanelli Neto (Brasile, Emilia Romagna-Campania-Toscana, Roncadin di Meduno), Maicon Scarlotti Lucca (Brasile, Fvg, Orion Valves di Trieste) e Lorelay Eunice Vidoni (Argentina, Fvg, Calligaris di Manzano). (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi