Comunità degli Italiani di Pola. Un cartellone ricco di eventi – di Daria Deghenghi

FIUME\ aise\ - “L’estate alla Comunità degli Italiani di Pola somiglierà piuttosto a quelle dell’ante Covid che all’estate 2020. Si può tirare insomma un sospiro di sollievo. Ottimismo e voglia di riprendere le abitudini di una volta hanno avuto il sopravvento e permettono di lasciarsi dietro tutte le avversità del caso”. Ne scrive Daria Deghenghi per “La voce del popolo”, quotidiano diretto a Fiume da Roberto Palisca.
“Lunedì sera la Giunta esecutiva della Comunità degli Italiani di Pola è tornata a riunirsi in seduta ordinaria per constatare, intanto, un fatto: da un paio di settimane in qua, va già meglio. Per provarlo basti citare il buon esito della due giorni di arte, teatro e cinema dedicata ad Alida Valli nel centenario della nascita.
Mostra e documentario sono stati visti volentieri e graditi da un pubblico tutto sommato abbastanza numeroso perché avido ormai di eventi culturali dopo la lunga astinenza del lockdown. Meglio ancora l’anteprima del monodramma “Grazie Alida”, messo in scena da Luka Juricic e Petra Bernarda Blaškovic nel Salone degli spettacoli di via Carrara: “Siamo passati da un massimo di 25 a un massimo 50 spettatori per spettacolo ed è già un successo – ha detto la presidente Tamara Brussich –. Lo spettacolo sarà trasmesso sull’emittente tv locale in prime time appena finito il lavoro della sottotitolazione e sarà dunque accessibile al vasto pubblico, mentre in Comunità verrà riproposto dal vivo intorno a Ferragosto”.
SERIE DI CONCERTI ALL’ESTIVO

Ma ecco l’abbozzo del cartellone degli eventi culturali che la CI ha in cantiere per organizzare da sola o in collaborazione con altri enti e artisti in prevalenza locali. Dopo il concerto d’esordio estivo dei “Do’ caramai” ovvero il duo Matoševic-Tiani di Rovigno, il venerdì tornano in grande stile le serate di musica jazz dal vivo con l’orchestra residente del bar Circolo 17. Dello stesso ordine la collaborazione col duo Irena e Mauro Giorgi che cura un repertorio pop, con particolare attenzione per i classici della musica leggera italiana. Le date dei concerti in calendario sono già riservate e saranno rese note con la pubblicazione dei volantini per i soci (da ritirare al “circolo”), sul sito Internet della CI e sui social.
La novità della stagione sono i quattro concerti di musica italiana per l’esibizione degli “In vino veritas”. Uno dei quattro concerti-eventi sarà la serata centrale del 15 agosto. Per il resto, le serate danzanti sono come sempre riservate ai giovedì sera. Il programma dei ballabili è a cura del Trio Val, altra orchestra residente del “circolo”. Il calendario dei concerti include ancora le esibizioni di fine anno scolastico del Centro studi di musica classica “Luigi Dallapiccola”, e, restando in tema di scuola, da quest’anno tornano in Comunità le cerimonia della consegna delle pagelle e dei diplomi di licenza elementare e media delle scuole italiane di Pola. Un’usanza che nel tempo era caduta in disuso e che ora si cerca di recuperare.
UNA SERATA DEDICATA A NELIDA

Uno dei gioielli dell’estate culturale alla CI di Pola che sta per entrare nel vivo sarà certamente la serata letteraria dedicata alla scrittrice connazionale polesana Nelida Milani il 18 giugno alle 11. Elis Deghenghi Olujic ne passerà in rassegna l’opera omnia, ma la scrittrice non sarà presente in sala per ragioni di salute. In cambio ha deciso di trasmettere ai suoi polesani un messaggio scritto che verrà letto in sala dai promotori. Si uniranno invece alla platea con un collegamento in Rete il poeta Mauro Sambi e l’editore italiano di Nelida Milani. Sarà un appuntamento da non perdere.
Il 22 luglio sarà un’altra giornata intensa perché in collaborazione col Pula Film Festival si terrà un appuntamento speciale dedicato al film italiano con ospiti, cineasti e produttori dall’Italia. Ad agosto tornano inoltre le proiezioni cinematografiche della rassegna “Circolo classic”, che ha per tema centrale il film italiano che ha fatto la storia del cinema internazionale. Il 13 agosto è riservato alla replica di “Grazie Alida”. A settembre dovrebbe riprendere il suo corso anche il Raduno degli esuli da Pola, sospeso l’anno scorso per la pandemia.
Intanto, in collaborazione con le Scuole medie superiori dell’Istria e di Fiume si svolgono regolarmente gli incontri in rete con l’attrice Rosanna Bubola.
Si tratta di un monologo-inchiesta che porta in scena il dramma della scelta della futura professione che, per gli studenti delle scuole italiane, è un doppio dramma: bisogna infatti scegliere anche la lingua della futura scolarizzazione e non solo l’oggetto degli studi. In questo senso, il monologo-inchiesta serve per capire le inclinazioni degli studenti, le loro esigenze e speranze, ma serve anche a incentivarli a proseguire gli studi in italiano, se e quando possibile”. (aise)