I GIOCHI FEDECIV: L’OLIMPIADE DELLA COLLETTIVITÀ ITALIANA IN VENEZUELA – DI FIORAVANTE DE SIMONE

I GIOCHI FEDECIV: L’OLIMPIADE DELLA COLLETTIVITÀ ITALIANA IN VENEZUELA – di Fioravante De Simone

CARACAS\ aise\ - “Una famosa frase recita che gli italiani: “sono un popolo di santi, poeti e navigatori”, ma anche un popolo di sportivi. Ma non solo quelli che vivono nel Bel Paese, ma anche quelli che hanno attraversato le cosiddette “colonne d’Ercole”. Quelli arrivati in Venezuela non sono un’eccezione”. Così scrive Fioravante De Simone che sulla “Voce d’Italia”, quotidiano online diretto a Caracas da Mauro Bafile, presenta i prossimi Giochi organizzati a luglio dalla Fedeciv, la Federación Deportiva de Clubes Italo-Venezolanos.
“Il primo aprile del 1985, durante un’assemblea dei delegati dei club italo-venezuelani che si svolse nella Casa d’Italia di Maracay, il padrone di casa Giuseppe Sanó propose di creare un’associazione che radunasse i sodalizi italici nell’ambito sportivo.
L’idea di Sanó fu accettata e pochi mesi dopo, per la precisione il 30 novembre 1985, fu fondata la Federación Deportiva de Clubes Italo-Venezolanos, nota con l’acronimo Fedeciv. Questo fu il primo passo verso i Giochi Fedeciv.
Nata quasi per gioco, edizione dopo edizione è cresciuto l’interesse per l’iniziativa da parte della collettività, che vede in essa anche una occasione per promuovere e diffondere la cultura e la lingua italiane.
Basti pensare che alla prima edizione dei giochi, andata in scena nella Casa d’Italia di Maracay nel 1985, erano 168 gli atleti in rappresentanza di 11 club. Le discipline in gara furono soltanto quattro. Ma nell’edizione successiva, nel 1986 sempre a Maracay, i numeri si sono incrementati: 826 sportivi, 20 club e 12 discipline. Poi con il passare delle edizioni, i partecipanti e le discipline sportive sono via via aumentati.
Ci sono stati diversi momenti clou nei Giochi Fedeciv: nel 1999 a Caracas i club partecipanti sono stati 29, nel 2001 a Valencia le discipline in gara sono state 21, mentre a Maracaibo nel 2008 si sono dati battaglia ben 3.378 atleti.
Nel 2015 per la prima volta hanno il torneo si è disputato in tre sedi diverse: Caracas, Maracay e San Felipe.
Durante la storia di questa olimpiade della Collettività i sodalizi in gara sono stati: Casa d’Italia di Maracay, Casa d’Italia Los Teques, Casa d’Italia Maracaibo, Casa d’Italia Margarita, Centro Deportivo Cultural Italo Venezolano di San Felipe, Centro Italo Venezolano Agustín Codazzi Cagua, Centro Italiano Venezolano di Barinas, Centro Italiano Venezolano di Caracas, Centro Italiano Venezolano Carupano, Centro Italiano Venezolano Ciudad Ojeda, Centro Italiano Venezolano di Guayana, Centro Italiano Venezolano di Oriente, Centro Italo Venezolano Puerto Ordaz, Centro Italiano Venezolano di Upata, Centro Italiano Venezolano di Valera, Centro Italo Venezolano Valle de la Pascua, Club Social Deportivo Italo Cabimas, Centro Social Venezolano Italiano Acarigua, Centro Social Italo Venezolano di Barquisimeto, Centro Social Italo Venezolano di Calabozo, Centro Social Italo Venezolano di Guanare, Centro Social Italo Venezolano di Mérida, Centro Italo Venezolano Puerto La Cruz, Centro Social Italo Venezolano di Valencia, Club Campestre Italo Venezolano di San Fernando de Apure.
Il dato curioso è che il Venezuela è l’unico Stato del Sudamerica in cui si organizza una rassegna di tale caratura.
Alcune delle 22 specialità sportive presenti sono: beach volley, biliardo, boccette, bolas criollas, bowling, calcio, calcio a 5, ciclismo, domino, duathlon, judo, karate, maratona, nuoto, nuoto sincronizzato, pallavolo, pool italiano, scacchi, softball, tennis, tennis tavolo.
Il club con più titoli è la Casa d’Italia di Maracay con 5 (1985, 1986, 1987, 1997 e 2015), seguito dal Centro Social Italo Venezolano di Valencia con 4 (1989, 1999, 2001 e 2012). Hanno messo in bacheca la coppa di campione in due occasioni il Club Italo Venezolano di Barquisimeto (2006 e 2010) e Casa d’Italia di Maracaibo (1991 e 2008) e il Centro Italiano Venezolano di Puerto Ordaz (1995 e 2004). Il Centro Italo Venezolano di Barinas si é aggiudicato i Fedeciv in un’occasione nel 1993.
Il club con il maggior numero di titoli é la Casa d’Italia di Maracay con 5, seguito dal Centro Social Italo Venezolano di Valencia con 4.
Tra i campioni che hanno preso parte ai Giochi Fedeciv ci sono nel mondo del calcio: Roberto Cavallo (ex Caracas, Deportivo Italia e Nazionale venezuelana), Alejandro Cichero (ex Caracas e Nazionale), Mauro Cichero (ha partecipato ai Giochi Olimpici di Mosca 1980 con la Nazionale), Filippo Fabbiani (ex nazionale venezuelana), José Milillo (ha vinto due scudetti con l’Estudiantes de Mérida), Nicola Simonelli (ex vinotinto) ed altri. Nel nuoto troviamo l’olimpionico Octavio Alesi.
La mini olimpiade è un punto d’incontro per gli italo-venezuelani ed anche una delle manifestazioni più impegnative del Paese. Il dato curioso è che il Venezuela è l’unico Stato del Sudamerica in cui si organizza una rassegna di tale caratura.
Come si sa, questo magnifico appuntamento è atteso con ansia da tutti gli sportivi, piccoli e grandi, che vi partecipano in rappresentanza dei nostri centri italo-venezolani”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi