NON DIMENTICHIAMO: LA MEMORIA DELL’OLOCAUSTO NEL PROGETTO DI LUIGI TOSCANO A SAN FRANCISCO – DI SERENA PERFETTO

NON DIMENTICHIAMO: LA MEMORIA DELL’OLOCAUSTO NEL PROGETTO DI LUIGI TOSCANO A SAN FRANCISCO – di Serena Perfetto

foto di Barak Shrama

SAN FRANCISCO\ aise\ - “Lest We Forget (Non dimentichiamo). Il messaggio che riecheggiava nel municipio di San Francisco era chiaro: nessuno dovrebbe mai dimenticare l'Olocausto e il dolore e la sofferenza che ha causato alla comunità ebraica e al mondo. Il progetto, realizzato dal fotografo italo-tedesco Luigi Toscano, è la testimonianza di tutti i sopravvissuti, delle loro famiglie e delle loro storie. Rappresenta la voce di sei milioni di vittime della sistematica e burocratica persecuzione, voluta dallo Stato, messa in atto dal regime nazista e dai suoi collaboratori. La parola "Olocausto" ha origine greca ed è composta dalle parole greche "holos" (intero) e "kaustos" (bruciato), storicamente usate per descrivere un'offerta sacrificale bruciata su un altare. Dal 1945, la parola "kaustos" sta per razzismo, persecuzione e uccisioni di massa”. Così scrive Serena Perfetto per “l’ItaloAmericano”, diretto a San Francisco da Simone Schiavinato.
“La mostra di Toscano è stata portata negli Stati Uniti nel 2018, prima a New York City, presso la sede delle Nazioni Unite, seguita da Washington, dove sono stati collocati più di 120 ritratti lungo il Lincoln Memorial Reflecting Pool. Successivamente è stata spostata a Boston e infine a San Francisco, prima di far visita ad altre città in tutto il mondo, da Seattle, Chicago, Pittsburgh, a Vienna e Magonza.
Il 2 maggio, a mezzogiorno, la South Light Court del San Francisco City Hall ha ospitato un momento di ricordo dello Yom Hashoah, con un programma che ha visto, tra gli altri, la violinista Rebecca Jackson e Annemarie, una sopravvissuta locale ritratta nella mostra.
La storia di “Non dimentichiamo” è quella di un uomo che ha deciso di mostrare i volti di 300 sopravvissuti all'Olocausto provenienti da Stati Uniti, Germania, Ucraina, Russia, Israele, Bielorussia, Austria e Paesi Bassi. Luigi Toscano ha raccontato il dietro le quinte del suo progetto in un discorso emozionale che ha condiviso con i sopravvissuti, la gente del posto e gli studenti. "Quattro anni fa, nessuno credeva in me e in questo progetto. Mi è stato detto che sarebbe stato un grande fallimento. Era difficile credere in me stesso a quel punto, ed ero pronto a rinunciare al mio coraggio e alla mia passione. Quando ho cercato di raggiungere i punti vendita e le istituzioni, non ho ricevuto alcuna risposta. Tuttavia, un giorno, ho ricevuto una chiamata da un sopravvissuto, che mi ha detto di essere interessato a far parte del progetto. Sono l'unico rimasto in famiglia, mi disse. Ho cambiato idea e ho deciso di riprovarci. Una delle storie più belle che posso condividere è quella di quest'uomo, colui che mi ha dato la forza di dare il via al progetto. A Berlino, la sua foto è stata posta accanto a quella di un altro sopravvissuto: casualmente i due, che si conoscevano da tempo, si sono riuniti nuovamente 60 anni dopo grazie a questa mostra. Quell'uomo è morto due mesi dopo la mostra di Berlino, ecco perché voglio dedicargli questo progetto, perché lui ha creduto in me e mi ha spinto a continuare".
Ci sono 15 ritratti esposti presso il Centro Civico di San Francisco (fino al 15 maggio), accanto agli eventi e ai pannelli del Goethe Institut di San Francisco. Michael Pappas, direttore esecutivo del Consiglio Interreligioso di San Francisco, ha aperto il programma con un focus sul coraggio di Toscano e la sua lotta contro tutti i movimenti che promuovono il razzismo e l'antisemitismo. Luigi è stato chiamato "agente di cambiamento", per aver saputo resistere al silenzio che a volte copre le storie delle vittime e dei sopravvissuti.
San Francisco è oggi una città santuario e rappresenta i diritti di tutti, e qui non c'è posto per alcuna forma di antisemitismo o razzismo in generale. Per chi non lo sa, ispirate dalla quarta Conferenza mondiale delle Nazioni Unite sulle donne a Pechino nel 1995, le donne di San Francisco si sono adoperate con successo perché si adottasse un'ordinanza locale che riflettesse i principi della Convenzione sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne. Nel 1998, San Francisco è stata la prima municipalità al mondo ad approvare tale misura.
Non è una sorpresa che anche il sindaco London Breed abbia colto l'occasione per esprimere la gratitudine di tutti i cittadini di San Francisco, che possono assistere all'impressionante e potente mostra di Toscano e conoscere le storie di coloro che hanno vissuto quella tragedia. Le parole del sindaco hanno anche sottolineato l'importanza di sensibilizzare l'opinione pubblica in questo momento storico in cui si stanno verificando nuovi episodi di antisemitismo, come le sparatorie di Pittsburgh e San Diego: "Il popolo ebraico viene sostenuto e celebrato, e la diversità è un bene per la città e per la nazione. Tuttavia, dobbiamo stare attenti affinché queste cose orribili non si ripetano", ha concluso il sindaco Breed.
Hans-Ulrich Südbeck, Console generale della Germania, ha accompagnato il pubblico attraverso un momento di memoria storica: non è stato facile per i tedeschi affrontare ciò che è successo sotto il regime nazista, ma questo ha reso la Germania il paese pacifico che conosciamo oggi. Il Console ha anche sottolineato come il nazionalismo e l'intolleranza siano in aumento ovunque, quindi tutti noi dobbiamo essere pronti a dare risposte nuove e a mostrare quante sofferenze queste cose possono causare al mondo intero. Il progetto di Toscano è impressionante nella misura in cui il suo messaggio sarà ascoltato per lungo tempo dalle generazioni future. Allo stesso modo, il direttore del Goethe Institut ha suggerito che possiamo imparare dal nostro passato e tutti noi abbiamo una grande responsabilità e un dovere, perché nessun luogo è esente da rischi: tutti noi dovremmo lottare contro la polarizzazione e la discriminazione, e la mostra di Toscano è importante sia per San Francisco che per il mondo.
Il Console Generale d'Italia, Lorenzo Ortona, ha fatto parte del programma in rappresentanza dell'Unione Europea: "Non solo questo progetto è bello, ma ci ricorda anche che siamo fortunati ad avere sopravvissuti che possono condividere con noi le loro storie. Non dobbiamo mai dimenticare i nomi e le identità di sei milioni di vittime. È fondamentale sensibilizzare e agire insieme contro ogni forma di violenza".
L'ultima parte del programma è stata dedicata alla storia di Annemarie, la sopravvissuta nata in Germania ma che ha trovato una nuova vita a San Francisco. Annemarie ha ricordato come la sua famiglia abbia avuto una vita agiata fino al 9 novembre 1938 quando la cena fu interrotta dai generali delle SS, che trascinarono via suo padre, per portarlo prima alla stazione di polizia e poi in una prigione nella Germania dell'Est. Quello fu l'inizio di una nuova vita: quando suo padre fu rilasciato, si allontanarono dalla città natale per raggiungere il confine sicuro del Belgio. Ci fu poi un'altra sosta in Inghilterra, prima che la famiglia si ricongiungesse con altri parenti nella Bay Area attraverso un lungo viaggio attraverso New York, Chicago e Oakland. Annemarie racconta la sua storia negli Stati Uniti dagli anni '90, condividendo con studenti e famiglie un messaggio speciale: "Non dobbiamo mai dimenticare, ma dobbiamo perdonare"”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi