ONORATI CON L’AQUILA D’ORO DE LAURI, OCCHIUTO E CALDERONE – DI VITTORIO GIORDANO

ONORATI CON L’AQUILA D’ORO DE LAURI, OCCHIUTO E CALDERONE – di Vittorio Giordano

MONTRÉAL\ aise\ - “Lunedì 7 ottobre, nella cornice della storica Casa d’Italia di Montréal, “50 & Più, Patronato e Associazione nazionale della Conf-Commercio ITALIA, organismo rappresentato a Montréal da Sylvia Marcolini, ha organizzato l’evento-premiazione “Maestri del commercio”, il tradizionale riconoscimento istituito nel 1975 a favore degli imprenditori che si sono distinti, per professionalità e competenza, nell’ambito del commercio, del turismo e dei servizi”. Ne scrive Vittorio Giordano sul “Cittadino canadese”, settimanale di Montreal di cui è caporedattore.
““Molti Italiani, arrivando in Canada – ha detto la Marcolini - hanno subito sentito la mancanza delle specialità della loro terra: il profumo del pane, il sapore delle conserve di casa o l’aroma del caffè espresso. ll primo passo è stato quello di trovare il modo di importare o di fabbricare qui i prodotti alimentari richiesti dalla Comunità italiana. Molti mi raccontano con emozione quando finalmente furono in grado di approvvigionarsi di specialità italiane: il primo Natale col panettone, un miracolo! Qui, tra noi, abbiamo delle storie vere, di successo: persone che con il loro ingegno ed il loro lavoro hanno permesso la diffusione della cultura gastronomica italiana a Montréal e in tutto il Québec. Riconoscere il loro contributo all’enorme diffusione della cucina e del mangiare all’Italiana in Québec era il minimo che potessimo fare”.
A celebrare queste storie di successo, tra gli altri, erano presenti la Console Generale d’Italia, Silvia Costantini; la presidente del Comites, Giovanna Giordano; il candidato del PCC a Saint-Léonard/Saint-Michel Ilario Maiolo, oltre al padrone di casa, Gino Berretta, presidente della Casa d’Italia, premiato con una targa, “per aver saputo risollevare le sorti della nostra Casa d’Italia”.
Per quanto riguarda gli ospiti d’oltreoceano, dalla direzione centrale “50&Più” di Roma e la Conf-Commercio, sono venuti a celebrare l’eccellenza commerciale italiana a Montréal il vicepresidente vicario Sebastiano Casu, il segretario generale Gabriele Sampaolo ed il direttore Esteri David Sensi.
Ogni anno, in Italia, vengono premiati circa 1000 “Maestri del Commercio”.
Tra gli imprenditori Italo-montrealesi di successo, sono stati premiati Giuseppe Occhiuto, Vittorio Calderone (per l’occasione rappresentato dal figlio) ed Elio De Lauri, onorati con la prestigiosa onorificenza dell’AQUILA D’ORO, per oltre 40 anni di attività nel settore alimentare e gastronomico sul territorio del Québec.
Nato il 3 gennaio del 1933 in provincia di Avellino e giunto in Canada il 7 marzo 1958, dal 1964 Elio de Lauri è alla guida di “Elio Pizzeria”, al 351 di rue de Bellechasse, nella Piccola Italia, e ancora oggi il ristoratore-filantropo promuove la gastronomia tricolore con piatti tipici in un’atmosfera familiare.
Titolare della “Berchicchi Importing” dal 1965, Giuseppe Occhiuto è stato uno dei pionieri nell'importazione di formaggi e specialità italiane in Canada. Nel 1967, in particolare, fu il primo ad importare la famosa Nutella. Il suo segreto? “Ambizione, coraggio e passione”, come ha lui stesso ammesso.
Titolare della pasticceria “Caserta” dal 1968, Vittorio Calderone e la moglie Maria Di Meo sono giunti a Montréal nel 1962, aprendo 6 anni dopo, sulla via Saint-Viateur e Dante, la pasticceria che porta il nome della città campana da cui provenivano. Ancora oggi Vittorio si reca in pasticceria ogni mattina per 2 o 3 ore, e si prende un bel caffè con una sfogliatella. Senza dimenticare i cannoli, i babà, cassata e gli amaretti per la gioia dei palati dei clienti di qualsiasi nazionalità, non solo italiani”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi