Bulgaria: l’Ambasciatrice Zarra visita Varna

SOFIA\ aise\ - Due giorni a Varna per l’Ambasciatrice italiana a Sofia, Giuseppina Zarra, in visita ufficiale nel distretto da mercoledì scorso.
A Varna, accompagnata dal Console Onorario Antonio Tarquinio, l’Ambasciatrice ha avuto due importanti incontri istituzionali, con il Governatore del Distretto di Varna, Mario Smarkov e i due Vice Governatori, Silviya Aleksandrova e Georgi Georgiev e con il sindaco di Varna Ivan Portnih per esplorare l’espansione della collaborazione bilaterale nei settori strategici dell’energia, connettività, infrastrutture e digitalizzazione, e lo sviluppo delle opportunità nel settore turistico.
Il sindaco Ivan Portnich, riporta l’Ambasciata, ha presentato dei progetti in corso di attuazione nei settori dell'istruzione, delle infrastrutture e la nuova zona industriale. Ha sottolineato che una delle priorità su cui sta lavorando il Comune di Varna è l’attrazione di investimenti nel settore IT, al fine di trasformare il profilo economico della città.
L’ambasciatrice ha anche incontrato i rappresentanti dell’imprenditoria italiana nella zona con cui ha discusso dei punti critici e delle opportunità del distretto di Varna, così da sviluppare future iniziative e progetti per sostenere e tutelare l'attività imprenditoriale italiana nell'area.
In questi incontri l'Ambasciatrice Zarra, è stata affiancata anche dal Presidente di Confindustria Bulgaria, Roberto Santorelli, e dalla Direttrice di Confindustria Bulgaria Mila Nenova.
Sempre a Varna, Zarra ha inoltre incontrato anche il Capo di SMM, Ammiraglio Cavo Dragone, in visita presso i vertici della Marina Militare bulgara per approfondire la collaborazione bilaterale sul Mar Nero.
Due i momenti di incontro con la collettività italiana residente a Varna, durante i quali sono state esaminate le esigenze dei nostri connazionali.
L’Ambasciatrice Zarra ha poi avuto modo di visitare la scuola secondaria in cui si insegna la lingua italiana "A.S. Pushkin" e le istituzioni culturali più importanti di Varna che collaborano intensamente con l’Ambasciata, l’Istituto di Cultura e il Consolato Onorario: il Museo Archeologico, che ospita importanti reperti tra cui i manufatti in oro più antichi, la Galleria Municipale e il Museo della Rinascita che ospita molti cimeli garibaldini a testimonianza dei profondi legami tra i movimenti rivoluzionari per la libertà e l’indipendenza dei due Paesi nel corso dell’800; ha partecipato infine ad un concerto operistico in onore dell’Italia organizzato dall’Opera di Varna presso il Palazzo reale di Balchik che tradizionalmente chiude la Settimana italiana organizzata in collaborazione con il Consolato Onorario.
Una tappa importante è stata la visita a Karin Dom, fondazione per i bambini con bisogni speciali, con la quale l’Ambasciatrice ha profondi legami da molti anni.
La visita ha coinciso anche con la celebrazione dei bambini, futuri alunni di prima elementare, che frequentano le terapie presso Karin Dom. L’Ambasciatrice Zarra e il Console Tarquinio hanno preso parte alla celebrazione, condividendo con i genitori, i bambini e il team la loro emozione e hanno augurato ai bambini un buon inizio della scuola, e a Karin Dom di continuare a crescere, svilupparsi e sostenere le famiglie.
Oggi l’Ambasciatrice è in visita a Burgas. (aise)