Dublino: l’Italia entra nella lista dei paesi a rischio - quarantena obbligatoria in hotel

DUBLINO\ aise\ - Il governo irlandese ha deciso di aggiungere alcuni Paesi europei, tra cui l'Italia, nella lista dei Paesi a rischio (categoria 2). Come riferisce una nota dell'Ambasciata d'Italia a Dublino, a partire dalle ore 4:00 del mattino di domani, giovedì 15 aprile, tutti i passeggeri che arrivano in Irlanda dall'Italia avranno l'obbligo di quarantena presso uno degli hotel designati dal governo, quindi tenuti a prenotare in anticipo un alloggio presso una delle strutture e a pagare in anticipo per il loro soggiorno/quarantena.
L'obbligo della quarantena in hotel si applica a qualsiasi passeggero che viaggi o che sia stato in uno degli Stati designati o qualsiasi passeggero che sia stato in uno degli Stati designati negli Stati Uniti 14 giorni prima dell'arrivo in Irlanda. Ciò include i passeggeri che hanno viaggiato attraverso un porto o un aeroporto in uno Stato designato, ovvero i passeggeri in transito.
L'elenco dei paesi designati sarà soggetto a modifiche con breve preavviso. Si consiglia di controllare l'elenco prima di partire per essere sicuri degli obblighi di quarantena, consultando il sito del governo. Informazioni sul sistema obbligatorio di quarantena in Hotel sono disponibili a questo link.
I passeggeri in arrivo in Irlanda da qualsiasi altro Paese (non uno Stato designato) che abbiano con loro la prova di un test RT-PCR negativo eseguito non più di 72 ore prima dell'arrivo nello Stato sono tenuti alla quarantena nel luogo di residenza per 14 giorni, con la possibilità di effettuare un tampone PCR dopo 5 giorni dall'arrivo e, se negativo, di interrompere la quarantena.
I passeggeri in arrivo in Irlanda da qualsiasi altro Paese (non uno Stato designato) che non abbiano la prova di un test RT-PCR negativo eseguito non più di 72 ore prima dell'arrivo nello Stato, sono tenuti alla quarantena presso alberghi designati.
Le strutture per la quarantena possono essere prenotate qui. Tutti i costi saranno a carico dei passeggeri. Il costo per un adulto è di 1.875 €. Sono previste tariffe graduate per familiari aggiuntivi, con la tariffa aggiuntiva per un adulto (o bambino sopra i 12 anni) di € 625 e il la tariffa aggiuntiva per un bambino (dai 4 ai 12 anni) è di € 360. Non ci sono costi per bambini di età pari o inferiore a 3 anni.
Ai passeggeri verrà chiesto di mostrare la prova della loro prenotazione all'imbarco al momento della partenza. Se l'operatore di viaggio non è soddisfatto di questo requisito, ne informa il passeggero e non autorizzati a salire a bordo dell'aeromobile.
Dove è richiesto un soggiorno in quarantena più lungo, ad esempio il passeggero successivamente risulterà positivo al COVID-19, il costo sarà di € 150 al giorno per adulto per ciascuno giorno aggiuntivo (supplemento € 55 al giorno per condivisione adulti; € 30 al giorno per condivisione bambino).
I passeggeri che viaggiano in Irlanda sono tenuti anche a completare un modulo PASSENGER LOCATOR FORM COVID-19 e fornire la prova di un risultato negativo o “non rilevato“ di un test PCR eseguito non oltre le 72 ore prima dell'arrivo in Irlanda. (aise)