GIORNO DELLA MEMORIA: IN CONSOLATO A NEW YORK PER RICORDARE

GIORNO DELLA MEMORIA: IN CONSOLATO A NEW YORK PER RICORDARE

NEW YORK\ aise\ - Sono trascorsi ventiquattro anni dall'istituzione del 27 gennaio, in Germania, quale giorno della commemorazione delle vittime del nazifascismo. Giorno che sarebbe stato poi successivamente adottato come data europea condivisa di commemorazione dell'Olocausto.
La designazione del 27 gennaio come Giornata internazionale della memoria dell'Olocausto è avvenuta nel tempo, voluta dalla Task Force per la cooperazione internazionale sull'educazione, la memoria e la ricerca sull'Olocausto e da alcuni dei Paesi in cui è nato il totalitarismo nazifascista: in Germania nel 1996, in Francia 1997, in Italia 2000, seguiti da molti altri Paesi in Europa. Ha assunto una dimensione internazionale nel 2005, quando le Nazioni Unite hanno ufficialmente celebrato una commemorazione annuale che istituiva il loro programma di educazione alla conoscenza dell'Olocausto.
Ogni anno il 27 gennaio viene commemorato in Italia e all’estero, tramite le nostre sedi diplomatico-consolari. Fra queste il Consolato Generale d’Italia a New York, che anche quest’anno ospiterà la cerimonia della lettura dei nomi degli Ebrei deportati dall'Italia e dai territori italiani.
La manifestazione, organizzata in collaborazione con il Centro Primo Levi di New York, si terrà lunedì 27 gennaio dalle ore 9.00 alle ore 15.30 con ingresso libero.
Lo stesso Centro intitolato allo scrittore, chimico e intellettuale italiano organizza un altro evento, in programma il 3 febbraio alla Casa Italiana Zerilli Marimò della New York University. Qui verrà infatti presentato il volume di Carlo Spartaco Capogreco "Mussolini’s Camps: Civilian Internment in Fascist Italy (1940-1943)”, pubblicato nel 2019 da Routledge in lingua inglese. Interverranno a partire dalle ore 18.30 insieme all’autore, docente presso l’Università della Calabria, Silvana Patriarca della Fordham University, Mary Gibson del Graduate Center|John Jay College of Criminal Justice e Rudolf Mrazek della University of Michigan. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi