“Il lungo viaggio delle missioni umane su Marte e il ritorno sulla Terra”: la scienza italiana protagonista a Canberra

CANBERRA\ aise\ - I viaggi interplanetari, le missioni umane su Marte ma anche la sostenibilità ambientale sulla terra sono i temi al centro del convegno “Il lungo viaggio delle missioni umane su Marte e il ritorno sulla Terra” organizzato dall’Ambasciata d’Italia in Australia, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Sydney e l’Australian Academy of Science, che si terrà il 20 agosto allo Shine Dome di Canberra.
A trattare questi temi sono stati chiamati cinque eminenti scienziati italiani in Australia: Elisabetta Barberio che parlerà dello spazio, delle radiazioni cosmiche e della materia oscura; Susanna Guatelli che affronterà come proteggere gli astronauti dai rischi per la salute causati dall’ambiente ostile delle radiazioni spaziali; Stefania Peracchi che illustrerà cos’è il Fungo di silicio, un innovativo dispositivo in miniatura per proteggere gli austronauti dalle radiazioni; Eduardo Trifoni che spiegherà la sfida ingegneristica che c’è dietro all’ingresso di un equipaggio umano su Marte e al suo rientro sulla Terra; e, infine, Federica Turco che dedicherà il suo intervento agli insetti che potrebbero essere la nostra migliore risorsa dentro e fuori il nostro pianeta.
La serata, che sarà moderata da Anna-Maria Arabia, ceo dell’Australian Academy of Science, Anna Maria Fioretti, addetto scientifico presso l’Ambasciata d’Italia, e Lillo Guarneri, direttore dell'Istituto Italiano di Cultura di Sydney, sarà aperta dall’ambasciatrice d’Italia in Australia Francesca Tardioli. (aise)