La Giornata della Ricerca a Canton e nel sud della Cina

CANTON\ aise\ - Ieri, 15 aprile, giorno della nascita nel 1452 di Leonardo da Vinci, è stata celebrata in tutto il mondo la Giornata della Ricerca Italiana nel Mondo dedicata alle attività condotte dai ricercatori e innovatori italiani in Italia e all’estero. Ha partecipato alle celebrazioni anche il Consolato Generale d’Italia a Canton con un workshop sulla sostenibilità globale che si è tenuto presso il Guangzhou International Cooperation Center (GICC).
Roberto Donà della Xi’An Jiaotong University ha affrontato il tema sotto il profilo delle nuove teorie economiche. La sostenibilità ambientale è infatti un’esigenza condivisa dalle aziende e una sfida sotto il profilo dei costi e dei profitti. Margot Song, a capo della società Envirovest specializzata nel trattamento di rifiuto tossici, ha sottolineato l’importanza della cooperazione in questo settore prendendo spunto dalle migliore pratiche degli altri Paesi, soprattutto europei. Tra questi l’Italia, che è uno dei Paesi maggiormente all’avanguardia nel settore del riciclo. Infine Guylaine Mayuba, direttrice generale per le operazioni di Magniflex Asia, ha presentato il modello di ricerca e sviluppo nella realizzazione di un prodotto, quale il materasso, nel rispetto dell’ambiente e del risparmio energetico attraverso l’applicazione di tecniche innovative e riutilizzo dei materiali. Dal materasso in bambù a quello in corso di progettazione che sarà fatto di bottiglie riciclate. Denis Bastieri dell’Università di Padova, attualmente in servizio presso la Guangzhou University, ha moderato un’interessante conversazione fra tutti i partecipanti che ha stimolato un ampio dibattito anche fra il pubblico.
Sempre nel sud della Cina si sono svolti anche altri eventi su temi legati alla ricerca: c’è stata l’inaugurazione del programma della Digital and Entrepreneurship Academy, creata dall'alleanza delle università delle città gemellate con Guangzhou e le imprese della Camera di Commercio Italiana in Cina; la firma dell’MOU tra l'Università degli Studi di Padova e la Guangzhou University sul mutuo riconoscimento dei rispettivi Dottorati di Ricerca in Astronomia; il seminario di astrofisica sul tema degli Esopianeti e il seminario "Toward Mars and Beyond" sul microsatellite made in GBA per la rilevazione di radiazioni gamma.
“La scienza non ha confini”, ha chiosato il Consolato Generale in una nota sui Facebook, “e la ricerca scientifica rappresenta uno degli strumenti più efficaci per la comprensione reciproca, la collaborazione internazionale ed il progresso dell’umanità”. (aise)