La mobilità sostenibile in Lituania e l’apporto dell’industria italiana

VILNIUS\ aise\ - Facendo seguito all'evento del 24 marzo scorso sul contributo italiano alla COP26 di Glasgow sui cambiamenti climatici, oggi, 21 giugno, l'Ambasciata d'Italia a Vilnius ha organizzato una nuova videoconferenza per presentare e discutere le prospettive lituane verso un settore della mobilità sostenibile e l’apporto dell’industria italiana per ridurre le emissioni di GHG, contribuire a mitigare le minacce del cambiamento climatico e le predisposizioni di misure idonee a utilizzare le risorse rese disponibili dall’UE – in particolare per il PNRR lituano - per incentivare l’introduzione di una quota crescente veicoli elettrici e creare un'infrastruttura di supporto nonché un uso crescente di biocarburanti per il trasporto di merci e passeggeri nel quadro della attenzione prestata dall’UE alle politiche dei trasporti nei paesi membri.
Nel corso dell’incontro, aperto dall’Ambasciatore d’Italia in Lituania, Diego Ungaro, un rappresentante del Ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni responsabile per la mobilità sostenibile, i rappresentanti delle aziende industriali italiane Fiat e Iveco e il rappresentante di Ignitis Group, uno dei più grandi gruppi energetici della regione baltica che sta sviluppando le reti necessarie, hanno potuto presentare e discutere dell’importanza del cambiamento avviatosi nel settore dei trasporti, che in Lituania ancora contribuisce per quasi un terzo alle emissioni di gas serra. Il piano Next Generation della Lituania prevede tra l’altro l'ampliamento della rete infrastrutturale di ricarica dei veicoli elettrici e la creazione di stazioni di rifornimento per il biometano e idrogeno. Allo stesso tempo, saranno forniti incentivi finanziari agli enti pubblici e alle imprese per sostituire i veicoli inquinanti e sarà potenziato il trasporto pubblico.
La Fiat ha presentato la nuova Fiat 500 completamente elettrica mentre il rappresentante di Iveco ha esposto l’impegno del gruppo a favore della eco sostenibilità e le prospettive per i nuovi veicoli industriali a biogas. (aise)