V SETTIMANA DELLA CUCINA ITALIANA NEL MONDO: L'EVENTO DI APERTURA A BANGKOK

V SETTIMANA DELLA CUCINA ITALIANA NEL MONDO: L

BANGKOK\ aise\ - Si è tenuto ieri, martedì 24 novembre, l'evento inaugurale della 5a Settimana della Cucina Italiana nel Mondo a Bangkok. Organizzata dall'Ambasciata d'Italia insieme a ICE e alla Camera di Commercio Italo-Thailandese (TICC) l'iniziativa ha coinvolto i principali ristoranti italiani e autentici ingredienti italiani da far assaporare al pubblico thailandese. Chef famosi hanno presentato i loro piatti in un atmosfera di festa al Quartier Avenue, nel centro commerciale The EmQuartier, per tutto il giorno.
"La settimana della cucina italiana nel mondo è giunta quest'anno alla sua quinta edizione", ha affermato l'ambasciatore d'Italia, Lorenzo Galanti. "La Thailandia è uno dei pochi Paesi in cui siamo in grado di tenere questo evento in presenza, poiché nella maggior parte degli altri paesi gli eventi online saranno la regola. La settimana della cucina italiana è dedicata quest'anno a celebrare i 200 anni dalla nascita di Pellegrino Artusi, autore di un famosissimo libro di ricette italiane entrato a far parte della letteratura italiana", ha proseguito Galanti, dicendosi "lieto che la cucina italiana sia molto popolare in Thailandia. La Thailandia, proprio come il nostro Paese, è una nazione attenta al mangiare bene, con una nozione di cibo molto sofisticata e tiene in grande considerazione la propria cucina, allo stesso tempo però apprezzando alcune cucine straniere, come quella italiana".
"Una dimensione importante del cibo è la salute", ha osservato l'ambasciatore. "Se siamo quello che mangiamo, allora possiamo affermare con sicurezza che la dieta mediterranea è un modello di alimentazione equilibrata, che è stato inserito 10 anni fa nella lista del patrimonio culturale immateriale dell'UNESCO. L'Italia è contraria a qualsiasi forma di classificazione iniziale dei prodotti alimentari che classifichi questi prodotti come sani o non sani senza un'adeguata base scientifica. Questi modi semplicistici di etichettare i prodotti rischiano di compromettere indebitamente la reputazione dei nostri prodotti alimentari più tipici. Allo stesso tempo", ha aggiunto Galanti, "vorrei sottolineare l'importanza di poter distinguere, come consumatore, un vero, autentico prodotto italiano da un prodotto forse italiano, ma non proprio italiano. Questo fenomeno che chiamiamo "Italian sounding" è legato alla protezione della proprietà intellettuale e alla tutela del consumatore. Continueremo a sostenere l'importanza di riconoscere l'autentico prodotto italiano come parte della nostra cultura e come parte di un rapporto onesto con il consumatore in tutto il mondo", ha concluso l'ambasciatore.
In occasione della 5a Settimana della Cucina Italiana il centro commerciale EmQuartier di Bangkok è stato trasformato in una piazza di prelibatezze dove i thailandesi hann potuto assaggiare cibi deliziosi e ingredienti di prima qualità d'Italia; ingredienti naturali che miscelati meravigliosamente diventano piatti speciali con gusti sopraffini che hanno incantato le persone di tutto il mondo. Anche questo contibuisce a rendere l'Italia il paese più sano del mondo.
L'evento ha inteso inoltre promuovere e supportare gli operatori della ristorazione italiana in Thailandia e prodotti premium dall'Italia, che sono stati divisi in tre zone: Plaza, Markets e Town Square. Molti ristoranti italiani in Thailandia hanno partecipato all'evento e tra questi: Appia, Duo Cucina, Favola presso Le Meridien Suvarnabhumi, Nonna Nella by Lenzi, Opus Wine Bar and Restaurant, O Sole Mio, Paolo's Deli, Peppina. I piatti principali hanno incluso pizza e pasta autentiche, carne lavorata, salsicce, salumi, tartufi e formaggi di prima qualità, nonché bevande italiane, dessert, caffè e gelati che gli chef hanno preparato in modo creativo e in stile italiano per i visitatori. (aise)