RASSEGNA SETTIMANALE DELLA STAMPA ITALIANA ALL’ESTERO

 RASSEGNA SETTIMANALE DELLA STAMPA ITALIANA ALL’ESTERO

ROMA/ focus/aise) - Il Direttore della “Gazzetta del Sud Africa”, Ciro Migliore, nell’ultimo numero del giornale, saluta i lettori in questo articolo in cui annuncia la fine del suo impegno quotidiano nel portale online che ha fondato a Cape Town. “Fra qualche giorno” scrive Migliore “la nostra Gazzetta compirà 14 anni, ma almeno per noi non sarà un anniversario da festeggiare allegramente perché sarà anche l'ultimo. Eh sì. Abbiamo tenuto duro finchè è stato possibile, ma adesso le pressioni di natura economica, sommate a problemi privati che richiedono tutta la nostra attenzione, ci impongono di scrivere la tanto temuta parola FINE...” “Anche se” precisa il direttore della Gazzetta “sarà una fine soltanto parziale, visto che il sito resterà online, anche se non sarà aggiornato con la pedanteria che negli ultimi 14 anni mi ha costretto ad alzarmi tutte le mattine alle 5.30 per aggiornare la home-page”.
Cercare di trasferirsi in Australia dopo aver compiuto 40 anni nel percorso ad ostacoli dell'auto-sponsorizzazione attraverso la creazione di una propria piccola azienda. È stata questa - in estrema sintesi - l'esperienza di Laura De Giacomo, 49enne nata a Roma da genitori campani ma cresciuta a Milano”. A raccontarla è Dario Castaldo su “Sbs Italian”, lo special broadcasting in onda in italiano in tutta l’Australia.
Vedere Musa, disabile keniano di 27 anni piantare la bandiera del suo Paese sulla storica vetta di Lenana Point, a quota 4985 metri sul Monte Kenya, per gli escursionisti del progetto “Stretching our limits” deve avere avuto il sentore straordinario delle imprese storiche, non solo dell’alpinismo. A rilanciare la notizia è “malindikenya.net”, portale fondato e diretto a Malindi da Freddie del Curatolo L’iniziativa, organizzata dall’associazione.
Letizia Buttarello, che scrive per “La Voce d’Italia”, quotidiano online diretto a Caracas da Mauro Bafile, ci parla di “Quattro meravigliose voci” che hanno dato vita all’Opera Gala Caracas, all’evento che in quattro atti ha reso omaggio ai migranti italiani venuti in America, presentando un repertorio fatto di arie d’opera lirica, dal belcanto e dal romanticismo italiano del XIX e XX secolo”. “Lo spettacolo prodotto da Imagen Producciones,” precisa La Voce, “ ha potuto contare sull’Orchestra Sinfonica Simón Bolívar, diretta dal Maestro Andrés David Ascanio Abreu, coadiuvata dal Coro nazionale Simón Bolívar, e, proponendo opere di Giuseppe Verdi, Gioachino Rossini, Pietro Mascagni, Vincenzo Puccini y Gaetano Donizzetti, ha emozionato il pubblico con l’armonia delle voci del soprano Marian Ortiz, il mezzosoprano Marilyn Viloria, il baritono Gaspar Colón e il tenore Aquiles Machado.
In Gran Bretagna, a seguito delle dichiarazioni della Segretaria di Stato per gli Affari Interni, Priti Patel circa la fine della libertà di circolazione entro il 31 ottobre di quest’anno, c’è stato un aumento vertiginoso delle richieste di pre-settled e settled status. L’unico altro mese a registrare un numero così alto di domande è stato aprile 2019, quando lo schema è stato aperto a tutti per la prima volta. A scriverne è Gabriella Betti-ga su “LondraItalia.com”, quotidiano online diretto da Francesco Ragni.
Anche se le dichiarazioni di Patel sono state poi ridimensionate, precisa “LondraItalia.com”,il timore per una Brexit senza accordo ha spinto circa 300.000 europei a presentare domanda nel mese di Agosto. Questo ha portato ad un rallentamento dei tempi decisionali, e ad un carico di lavoro inevaso pari ad oltre 188,000 domande.
Alla presenza dell’ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti Armando Varricchio il GEI (Gruppo Esponenti Italiani) ha celebrato lunedì la memoria di Lucio Caputo, per oltre 25 anni, presidente dell’organizzazione, scomparso nel giugno scorso”. A darne notizia è “La voce di New York”, quotidiano online diretto da Stefano Vaccara. Nel tracciare un ricordo e un percorso per il futuro dell’organizzazione, Enzo Viscusi, presidente ad interim del GEI, per volontà unanime del Consiglio Direttivo, ha chiesto all’Ambasciatore Varricchio di assumere la presidenza onoraria del GEI e indicato Mario Calvo Platero, per anni corrispondente dagli USA del Sole 24 Ore e attualmente editorialista de La Stampa, come candidato del consiglio per la guida del Gruppo.( focus/aise)

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi