GASTRONOMIA MADE IN ITALY

GASTRONOMIA MADE IN ITALY

ROMA – focus/ aise – Nell'ambito delle iniziative per la "Settimana della cucina italiana", è stata lanciata a Madrid la terza edizione del concorso "Prepara il tuo futuro. Giovani talenti della cucina italiana" che selezionerà gli chef più promettenti di Spagna che desiderino specializzarsi in cucina italiana.
L'iniziativa – riporta il bando – mira a formare, dare visibilità e offrire opportunità a giovani chef, spagnoli e italiani in Spagna, che desiderino specializzarsi in Cucina italiana.
I vincitori avranno accesso al corso “Italian Culinary Programme-Unit 2” di ALMA – La Scuola Internazionale di Cucina Italiana, a cui farà seguito un periodo di tirocinio in prestigiosi ristoranti italiani.
Per candidarsi occorre essere un cittadino spagnolo o italiano residente in Spagna; maggiorenne e con una data di nascita non precedente al 01/01/1985; lavorare o avere un’esperienza maturata nel settore ristoranti - catering o essere uno studente in una scuola di cucina all'ultimo anno.
Le lezioni si terranno in italiano e spagnolo, pertanto è obbligatorio che i candidati possano esprimersi in una di queste lingue sia parlate che scritte.
Il concorso è organizzato dall'Ambasciata d'Italia in Spagna con la collaborazione dell'Ente Nazionale Italiano Turismo (ENIT) e la Camera di Commercio e Industria Italiana per Spagna (CCIS). Le iscrizioni rimarranno aperte fino al 20 febbraio 2020.
Sempre nel quadro delle iniziative della quarta edizione della Settimana della cucina italiana nel mondo promosse dal Consolato Generale di Parigi nei principali centri della circoscrizione consolare, si è svolto il 27 novembre a Digione un evento dedicato alla mostarda italiana e francese.
La manifestazione è stata organizzata in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia, nel contesto della policy perseguita dal Consolato di promozione dei gemellaggi della circoscrizione.
L’evento ha visto la partecipazione dell’assessore al Commercio e Attività Produttive, Maria Francesca Sidoli, e di Sladana Zivkovic, assessore al Comune di Digione con delega alle Relazioni Internazionali.
La manifestazione è stata aperta da un concerto di musica classica a cura della scuola ESM Bourgogne France-Comté, seguito da una conferenza tenuta dallo chef stellato Massimo Mori che ha ripercorso la storia della mostarda, dalle sue origini italiane alla sua evoluzione nella gastronomia francese.
Al termine della presentazione, gli oltre 200 ospiti hanno potuto degustare, oltre alla mostarda italiana, sconosciuta alla maggioranza, vari prodotti di eccellenza della tradizione gastronomica emiliana, tra cui il tipico erbazzone preparato dalla chef Dorina Burlacu di Reggio Emilia, mentre la mostarda francese è stata presentata per dalla Confrérie de la Moutarde de Dijon.
La serata è stata conclusa dal concerto dall’artista napoletana Ylenia Lucisano.
L'educazione alimentare e la cultura del gusto sono state al centro delle iniziative in programma a Khartoum in occasione della Settimana della cucina italiana nel mondo – dall’1 al 5 dicembre – che quest'anno l'Ambasciata d'Italia in Sudan ha voluto legare alla settimana della lingua italiana. Seminari, concerti e spettacoli concorrono a promuovere l’apprendimento e la diffusione della lingua e la cucina italiana di qualità, insieme con i prodotti agroalimentari “Made in Italy”.
In Sudan ogni anno oltre 200 studenti sono impegnati nell’apprendimento dell'italiano, principalmente presso il Comboni College for Science and Technology, ma anche presso altri atenei quali l’Università di Khartoum e l’Università El Neelain. Tra le iniziative in programma si segnala il concerto della soprano Cristiana Arcari, accompagnata dal pianista Massimiliano Tisano dal titolo “Italian On Stage: A musical Journey” e il seminario dal titolo “Italian On Stage: Le parole dello spettacolo” tenuto dal professor Andrea Palumbo e rivolto a studenti di italiano. (focus\ aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi