LA SETTIMANA DELLA CUCINA ITALIANA (1)

LA SETTIMANA DELLA CUCINA ITALIANA (1)

ROMA – focus/ aise - Si sono concluse ieri le celebrazioni della V Settimana della Cucina Italiana in Croazia con una cena di gala presso l’Hotel Le Premier organizzata in collaborazione con Slow Food.
L’evento, che si è giovato di un ricco menù preparato congiuntamente dallo chef stellato italiano Stefano Cosattini e dallo chef croato della Scuola di Cucina di Sisak Zdravko Peric, aveva come obiettivo la celebrazione della cucina autentica italiana e la messa in luce delle profonde complementarietà tra la tradizioni culinarie italiana e croata.
La serata si è svolta nel rispetto più rigido della vigenti norme di prevenzione sanitaria e ha visto la partecipazione di un pubblico di specialisti croati del settore eno-gastronomico, importatori, giornalisti e blogger.
Slow Food ha contribuito alla serata illustrando propri progetti e buone pratiche nella promozione della biodiversità e della sostenibilità alimentare, nonché nella valorizzazione della produzione e delle realtà locali nell’Europa sud-orientale, in Istria e a Dubrovnik.
Il resto della celebrazioni della Settimana a Zagabria, all’insegna del ricordo del maestro Pellegrino Artusi, ha incluso: l’organizzazione di una mostra sulle suggestioni di Fellini e Artusi presso l’Istituto Italiano di Cultura; la partnership con quattro ristoranti di Zagabria che hanno proposto ai propri clienti diverse versioni del risotto, vero fil rouge della Settimana nella capitale croata; e l’organizzazione da parte dell’ICE di un ciclo di lezioni televisive sulla cucina italiana dello chef Cosattini, introdotto da un’intervista dell’ambasciatore Pierfrancesco Sacco.
La quinta edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo è stata celebrata ieri in Ghana con un “Aperitivo in giardino” organizzato dall’Ambasciata d’Italia ad Accra ed il locale Ufficio ICE, allo scopo di promuovere le eccellenze della nostra produzione viticola e migliorarne il posizionamento sul mercato ghanese di alto livello.
In apertura dell’evento, l’ambasciatrice d’Italia ad Accra, Daniela d’Orlandi, ha messo in luce la leadership mondiale dell’Italia nell’esportazione di vino e la varietà della produzione delle regioni italiane, mentre il direttore dell’Ufficio ICE di Accra, Alessandro Gerbino, ha valorizzato l’eccezionale qualità dei nostri vini ed illustrato le varie tipologie di denominazioni protette e controllate.
È seguita una degustazione di alcuni tra i più rinomati vini italiani: dal Brunello di Montalcino Col d’Orcia al Prunotto Barolo, dal Gattinara Travaglini al Monte Tondo Amarone della Valpolicella e di prodotti gastronomici tipici.
Hanno partecipato all’evento i maggiori importatori di vino italiano in Ghana, esponenti della società locale e del mondo dell’economia, imprenditori italiani, diplomatici ghanesi, giornalisti ed il primo Italian Wine Ambassador del Ghana.
Promuovere chi ogni giorno contribuisce a diffondere la cucina italiana e i suoi sapori unici, ovvero i ristoranti italiani che in Qatar promuovono il consumo e la conoscenza di ricette, tradizioni e prodotti italiani. Questo l’obiettivo di “Let’s EATItalian”, iniziativa lanciata dall’Ambasciata italiana a Doha per la quinta edizione della Settimana della cucina italiana nel mondo.
Sono sette i ristoranti coinvolti, fino al 29 novembre, che offriranno menù speciali per celebrare la Settimana della Cucina Italiana.
Si tratta di Cucina (4419 6155), Italia Mia (33078559), La spiga (4453 5135 - WhatsApp 7794 3975), La veranda (44853000), Sasso (66440590), Scalini (44244850) e Signor Sassi (44967037).
La settimana è stata presentata durante un evento, lunedì scorso, presso il giardino della Residenza dell'Ambasciatore Alessandro Prunas.
Qui, lo chef italiano Ivan Musoni, Executive Chef al Grand Hyatt Doha Hotel & Villas, si è esibito in un live cooking show con la partecipazione dell'Ambasciatore Prunas, per preparare e far degustare agli ospiti piatti legati alla dieta mediterranea, promuovendone gli effetti benefici e il ridotto impatto ambientale. Diete sane ed equilibrate, come quella mediterranea, sono infatti collegate a processi di produzione alimentare sostenibili. Gli chef sono sempre più coinvolti e impegnati a diffondere il principio di sostenibilità in cucina, al fine di evitare gli sprechi alimentari e sensibilizzare le comunità.
In occasione della prima edizione dello “European Drive-In Film Festival”, organizzato in Qatar dal gruppo EUNIC locale, l'Ambasciata d'Italia partecipa con il film italiano “Quanto Basta” di Francesco Falaschi, che sarà proiettato domani, 27 novembre, dalle 17:00 alle ore 18:40, presso il Centro Commerciale Festival City di Doha.
Il film, scelto per via del tema in connessione con la Settimana della Cucina Italiana, racconta la storia di Arturo, uno chef italiano che viene assegnato ai servizi sociali per scontare una pena. Mentre tiene un corso di cucina per ragazzi autistici conosce Guido, promettente chef con la sindrome di Asperger. L'uomo è ispirato dal talento del ragazzo e lo aiuta a dare il massimo ai fornelli.
Per informazioni sulla programmazione dei film e prenotazione dei biglietti, occorre collegarsi qui. I biglietti sono gratuiti e disponibili in numero limitato alla quantità di posti auto dell’area del parcheggio dedicata al festival. (focus\ aise) 

Newsletter
Archivi