SENTIRSI A CASA OVUNQUE

SENTIRSI A CASA OVUNQUE

ROMA – focus/ aise - Visto il successo riscontrato nel 2018, il Gruppo Genitori Ginevra anche quest’anno organizza la sua Festa di Carnevale.
Giochi, musica, danze, atelier e tanti colori i protagonisti della festa in programma domenica 10 febbraio, a partire dalle ore 15:00 e fino alle 18:00 presso i locali de “La Fumisterie chez Ernest” a Rue des Noirettes, 21 a Carouge. Grandi e piccini sono attesi mascherati e muniti di stelle filanti. Musica e danze offerti dal DJ Dario, mentre il buffet sarà allestito da “Sfizio Personal Chef”. Si è poi tenuta nei giorni scorsi a Trieste, presso la sede della SKGZ-UCES, la Prima riunione del Comitato di Gestione del Progetto strategico “PRIMIS - Viaggio multiculturale tra Italia e Slovenia attraverso il prisma delle minoranze”, finanziato dal Programma Interreg V-A Italia-Slovenia 2014-2020.
Il Progetto “PRIMIS”, della durata di 36 mesi, è iniziato il 1 gennaio 2019 e terminerà il 31 dicembre 2021. L’Unione Italiana con sede a Capodistria è il Lead Partner del Progetto.
La riunione – riporta l’UI – è servita ad approvare i primi Atti fondamentali per l’avvio delle attività, per la programmazione futura delle iniziative e per l’organizzazione del Primo Kick of Meeting del Progetto che si terrà a Venezia il 28 marzo 2019.
“Occhio alle truffe, facciamoci furbi”, questo il tema di approfondimento che sarà sviluppato dalle Acli Argovia, il cantone più settentrionale della Svizzera, e l’associazione Pro-Senectute venerdì 22 febbraio, alle 20 presso il Centro Parrocchiale Herz Jesu.
Si, perché al centro di questo approfondimento ci sono le truffe ai danni dei più anziani, come quella del “falso nipote”.
Di cosa si tratta? È un fenomeno in costante crescita: gli autori telefonano alle vittime spacciandosi per un lontano nipote con un disperato bisogno di denaro. Con abilità conducono gli anziani a prelevare grandi somme e farsele consegnare.
Come riconoscere questo tipo di inganno e difendersi lo spiegheranno Andreas Pechlaner e Paola Zarabara, della polizia cantonale argoviese.
Infine, la Libera Associazione Abruzzesi del Trentino Alto Adige, presieduta da Sergio Paolo Sciullo della Rocca, Ambasciatore d’Abruzzo nel Mondo, congiuntamente all’Accademia Culturale San Venceslao, ha organizzato a Bolzano presso il Circolo Militare dell’Esercito una conferenza sul tema: “Tre milioni di passi, un pellegrinaggio da Bolzano a Santiago de Compostela”. Relatore il socio Andrea Gecele con introduzione di Don Gianmarco Masiero, un sacerdote “ante litteram”, esperto di storia, che davanti a un pubblico numeroso ha illustrato le motivazioni spirituali che spesso portano l’uomo a percorrere questi cammini devozionali e di preghiera in particolare in Europa. Il relatore Andrea Gecele, da parte sua, ha presentato la sua esperienza che lo ha visto partire a piedi da Bolzano a Santiago de Compostela, un cammino tra resistenza fisica e ricerca interiore che in tre milioni di passi lo ha portato a raggiungere con successo la tomba dell’apostolo Giacomo. Al temine della conferenza il presidente Sciullo della Rocca, affiancato dal consigliere provinciale Sandro Repetto, ha ringraziato i relatori, rappresentando anche l’attenzione che il Cardinale Federico Tedeschini, abruzzese, ebbe nel secolo scorso durante il suo apostolato in Spagna per favorire l’accoglienza dei pellegrini che si recavano a Santiago, partecipando inoltre che già da tempo è attivo un cammino devozionale a Malta e Gozo tra i luoghi della fede realizzati da un altro abruzzese il Vescovo Davide Cocco Palmieri. (focus\ aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi