“CHI SIAMO, CHI SAREMO”: LA SCIENZIATA ILARIA CAPUA E IL FILOSOFO VITO MANCUSO A CONFRONTO

“Chi siamo, chi saremo”: la scienziata Ilaria Capua e il filosofo Vito Mancuso a confronto

BOLOGNA\ aise\ - Torna con un’edizione tutta online dal titolo “Chi siamo, chi saremo” il seguitissimo Laboratorio di Etica fondato e diretto da Vito Mancuso e realizzato da Elastica. Nato nel 2019 in collaborazione con la Fondazione MAST di Bologna, nella cui sede è stato ospitato nelle edizioni precedenti, il Laboratorio quest’anno vede accanto al filosofo e teologo la partecipazione di Ilaria Capua, virologa e direttrice dell’One Health Center of Excellence presso la University of Florida.
In un dialogo che mette a confronto teologia e scienza, idee e dati, filosofia e numeri, i due studiosi esploreranno il tema dell’identità umana nelle sue diverse declinazioni, cercando di restituire il senso di questo nostro tempo così complesso e di cui la pandemia ha messo in luce tutte le fragilità.
Primo appuntamento il 15 febbraio: al centro il tema “Homo sapiens, la sua identità”. Gli incontri avranno cadenza quindicinale; si prosegue, dunque il 1° marzo con “L’uomo e gli altri abitanti del pianeta”, il 15 marzo con “Animali politici: relazioni e condivisione” per concludere il 29 marzo con “E adesso?”.
Tutti gli incontri si terranno su elastica.eu alle ore 18 e avranno la durata di due ore. Nella parte finale di ogni appuntamento sarà possibile rivolgere ai due relatori domande pertinenti con il tema del Laboratorio. È possibile partecipare tramite iscrizione, al costo complessivo di 38 euro, al seguente link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-laboratoriodi-etica-chi-siamo-chi-saremo-136829335225?aff=ebdssbonlinesearch.
“Il Laboratorio di Etica è un viaggio “didattico” nella storia dei pilastri della vita umana, una nuova proposta di approfondimento ideata per rispondere all'esigenza di riflessione sulla contemporaneità. Questa terza edizione – si legge nella presentazione – non poteva prescindere dall’evento epocale che tutto il mondo sta vivendo, partendo dall’assunto che, come diceva Albert Einstein, la religione senza la scienza è cieca e la scienza senza la religione è zoppa. Quest’anno, allora, l’iniziativa affronterà il senso di disorientamento e l’incertezza del futuro forte in ognuno di noi, uniti alla consapevolezza di essere al cospetto di un evento che, nel bene e nel male, cambierà il nostro modo di abitare il Pianeta. È questo il crinale su cui camminiamo oggi: stiamo facendo i conti con uno tsunami che ha messo in discussione molte sicurezze e che probabilmente ridimensionerà il nostro ruolo sulla Terra. Per questo sorge l’esigenza di tornare a farci delle domande sulla nostra identità, chiedendoci da dove ripartire per ritrovare un posto nel mondo, come ci dobbiamo preparare, quale potrà mai essere la vita di domani”. (aise) 

Newsletter
Archivi