I GIOVANI E LA LORO IDEA DI FUTURO: ALLA SAPIENZA LA RICERCA CONDOTTA TRA ITALIA, RUSSIA, POLONIA E GERMANIA

I GIOVANI E LA LORO IDEA DI FUTURO: ALLA SAPIENZA LA RICERCA CONDOTTA TRA ITALIA, RUSSIA, POLONIA E GERMANIA

ROMA\ aise\ - Venerdì, alle 11,00. presso La Sapienza - CORIS, nell’aula Oriana, in via Salaria 113, Roma, Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale della Sapienza Università di Roma in collaborazione con l’Eurispes, verranno presentati i risultati di una ricerca sociale internazionale, svolta nel corso del 2018, tra i giovani di Russia, Polonia, Germania, Italia.
L’incontro è promosso nell’ambito del programma di iniziative del Dottorato di Ricerca in Comunicazione, Ricerca Sociale e Marketing.
La ricerca sarà introdotta e commentata dai professori de La Sapienza, Alberto Mattiacci e Christian Ruggiero, Segretario della Scuola di Dottorato MEGATREND, e da Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes.
I risultati della ricerca saranno illustrati dalle autrici: Svetlana Varlamova, del Centro Federale di Sociologia Teoretica e Applicata della Accademia delle Scienze di Russia (FCTAS RAS) e dalla sociologa Anna Doroshina, Università chimico-tecnologica “D.I. Mendeleev”, Mosca.
L’indagine è stata condotta tra i giovani di 18-30 anni dei quattro Paesi indicati – Paesi che fanno riferimento a sistemi anche molto diversi tra loro – per capire qual è la loro idea del futuro; come i giovani vedono le loro prospettive personali e quelle delle comunità familiare, locale, nazionale nella quale vivono. Appunto, i giovani e la loro idea di futuro. Per l’Italia il contributo all’indagine è stato dato dall’Eurispes, per la Germania dall’Istituto IWAK della Università Goethe di Francoforte.
Quali sono i principali valori di vita che orientano il mondo giovanile? Quale il loro stato emotivo vissuto nel corso del 2018? Ad esempio: di inquietudine, positivo, aggressivo? Quali sono i loro progetti sulla famiglia e i figli? Quali piani di vita elaborano e per quale arco di tempo? Come vedono il futuro del loro paese? Quale è il loro grado di partecipazione alle iniziative politiche e civili?
Sono tutte domande alle quali lo studio fornisce risposte molto interessanti, ed anche sorprendenti, individuando, in particolare, inaspettate sintonie e divergenze. In ogni caso, fornisce risposte utili, ad esempio, sia a stimolare ulteriori studi e analisi rafforzando la cooperazione internazionale in materia sia a contribuire al miglioramento delle scelte dei responsabili delle decisioni, in Italia e all’estero. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi