L’“ITALIA NEL CUORE” CHIEDE LUMI AL GOVERNO SUL BANDO DI 266 MILIONI DI EURO PER CAMPI CONTAINER D’EMERGENZA

L’“Italia nel Cuore” chiede lumi al Governo sul bando di 266 milioni di euro per campi container d’emergenza

ROMA/ aise/ - Terremoti, frane, inondazioni, forse un piano “riservato” per fronteggiare possibili emergenze da Coronavirus? Di fronte al perdurare dell’incertezza, alla fine, Mauro Tiboni, presidente di “Italia nel Cuore”, organizzazione politica con sede a Firenze, ha impugnato la penna e ha scritto al Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio, Mario Draghi, e alla Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati.
“Abbiamo appreso dal sito acquistinretepa.it” spiega Tiboni nella sua missiva “che il Governo in data 24 marzo 2021 ha avviato una gara d’appalto in ordine all’emergenza Covid-19. Rileviamo nel capitolato tecnico che si tratta di appalti per "l'allestimento di campi container per l'assistenza della popolazione in caso di eventi emergenziali.”
Dalla stessa fonte “Italia nel Cuore” ha preso visione di un fitto capitolato tecnico che regolamenta per 4 anni le attività messe a bando per la rilevante cifra di 266.716.544 di Euro destinati a Noleggio di container per l’allestimento di campi container con destinazioni d’uso diverse e servizi connessi; alla fornitura di arredi, biancheria e accessori per l’allestimento di campi container con destinazioni d’uso diverse, in eventi emergenziali; al noleggio di lavatrici e asciugatrici industriali da installare in campi container in eventi emergenziali e servizi connessi.
“Sono molte le riflessioni” scrive Tiboni “che sorgono dopo aver appreso e letto dell’appalto promosso dal Governo. Ci chiediamo che tipo di disastro possa colpire l'intera penisola da indurre gli Italiani ad abbandonare la propria abitazione, e quale evento emergenziale fa riferimento il Governo. Perché - si chiede - spendere altri 266.716.544 di Euro di soldi pubblici per costruire questi campi container la cui destinazione è ignota agli italiani, anziché erogare adeguate misure economiche di sussistenza alle famiglie e alle imprese già al collasso.” E, quindi, “sulla scorta quanto appreso” ribadisce il presidente di ‘Italia nel Cuore’ “chiediamo, ai custodi e garanti della nostra Carta Costituzionale, che venga resa pubblica l’azione intrapresa dal Governo. Vogliamo sapere, insomma, cosa sta attuando a nostra insaputa, qual è il fine di tali campi container e a quali eventi emergenziali fa riferimento il Governo.”
La notizia del bando sta in effetti circolando sulla stampa, destando oggettivamente perplessità sui modi in cui esso è diventato di dominio pubblico, senza, per questo, neanche entrare nel merito delle motivazioni da cui ha preso origine. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi