La Commissione europea vara una piattaforma di pubblicazione ad accesso aperto per gli articoli scientifici

BRUXELLES\ aise\ - Nella giornata di ieri, 24 marzo, la Commissione europea ha varato Open Research Europe, una piattaforma di pubblicazione di articoli scientifici che sarà accessibile a tutti. La piattaforma presenterà i risultati delle attività di ricerca finanziate da Orizzonte Europa, il programma di ricerca e innovazione dell'UE per il periodo 2021-2027, e dal programma precedente Orizzonte 2020.
Open Research Europe offrirà a tutti, ricercatori e cittadini, un accesso gratuito alle scoperte scientifiche più recenti. Consentirà di ovviare direttamente alle notevoli e frequenti difficoltà incontrate per la pubblicazione dei risultati scientifici, in particolare i ritardi e gli ostacoli nel riutilizzo dei risultati e i costi elevati. La piattaforma è un servizio facoltativo a disposizione dei beneficiari di Orizzonte Europa e di Orizzonte 2020, che consente loro di rispettare le prescrizioni del finanziamento per l'accesso aperto immediato e gratuito.
Sono già pervenute circa 40 pubblicazioni scientifiche, provenienti da settori di ricerca molto diversi tra loro, che sono a disposizione della comunità scientifica per lettura e esame.
Per Mariya Gabriel, commissaria per l'Innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e i giovani, “dobbiamo accelerare le scoperte scientifiche grazie a pratiche di ricerca più collaborative e aperte. Aiutando i ricercatori a pubblicare ad accesso aperto”, ha proseguito, “Open Research Europe elimina gli ostacoli ai flussi di conoscenze e alimenta il dibattito scientifico. Siamo solo all'inizio. Consolideremo gradualmente la reputazione della piattaforma come sito di pubblicazione privilegiato per i ricercatori di Orizzonte 2020 e di Orizzonte Europa e ne garantiremo una profonda integrazione nello Spazio europeo della ricerca”.
Sostenere la scienza aperta e la trasparenza nel processo di pubblicazione scientifica
Nella comunicazione "Un nuovo SER per la ricerca e l'innovazione", la Commissione introduce Open Research Europe in quanto piattaforma editoriale ad accesso aperto per la pubblicazione di ricerche finanziate da Orizzonte 2020 e Orizzonte Europa in tutti i settori della scienza, della tecnologia, dell'ingegneria e della matematica, nonché delle scienze sociali, delle arti e delle discipline umanistiche.
Open Research Europe non si limiterà a contribuire alla pubblicazione aperta, rapida ed efficiente in termini di costi. Aiuterà anche i beneficiari di Orizzonte 2020 e di Orizzonte Europa a rispettare le condizioni di accesso aperto applicabili ai loro finanziamenti: l'accesso aperto immediato, richiesto da Orizzonte Europa, e la trasmissione automatica in un registro generale (Orizzonte 2020 consentiva invece un periodo di embargo di 6-12 mesi). Open Research Europe offrirà ai ricercatori un sito in cui pubblicare e condividere rapidamente i loro risultati e le loro conoscenze e che faciliterà discussioni aperte e costruttive sulla ricerca. La piattaforma dispone di un'ampia gamma di parametri che consentono di misurare l'impatto scientifico e sociale degli articoli e di fornire informazioni sul loro utilizzo e riutilizzo.
Nell'assumere un nuovo ruolo, la Commissione intende dare l'esempio sostenendo attivamente le pratiche della scienza aperta e promuovendo la trasparenza nel processo di pubblicazione. Intende in questo modo incoraggiare altri finanziatori, in particolare a livello nazionale, a fare altrettanto. Integrando Open Research Europe nei programmi Orizzonte 2020 e Orizzonte Europa, la Commissione porta ad un livello successivo le soluzioni innovative nella comunicazione accademica.
Contesto
Attualmente, il 91% di tutte le pubblicazioni e il 95 % di tutte le pubblicazioni oggetto di valutazione inter pares finanziate da Orizzonte 2020 sono disponibili ad accesso aperto: si tratta di percentuali estremamente elevate a livello mondiale. L'obiettivo tuttavia è che tutte le pubblicazioni accademiche che hanno beneficiato di un finanziamento della Commissione siano liberamente accessibili. In particolare, l'obiettivo di Orizzonte Europa è che le pubblicazioni siano accessibili in modo aperto sin dalla loro pubblicazione, come consentito dalla piattaforma.
La scienza aperta è un approccio basato sul lavoro collaborativo aperto e sulla condivisione sistematica delle conoscenze e degli strumenti il prima possibile e nella misura più ampia possibile nel corso del processo di ricerca. Questa strategia rende i sistemi di ricerca e innovazione più efficienti e creativi e rafforza l'eccellenza e la fiducia della società nella scienza. Ciò è dovuto al fatto che l'apertura e la condivisione dei risultati e dei dati della ricerca, che ne consentono la riutilizzabilità e la riproducibilità, unitamente all'accesso alle infrastrutture di ricerca, forniscono la base per la valutazione tra pari e il dibattito accademico che garantiscono la qualità e l'efficienza nell'approfondimento delle riflessioni, dell'analisi e dell'innovazione nel campo della ricerca.
La risposta dell'UE alla pandemia di coronavirus ha evidenziato la capacità della scienza aperta di rafforzare la collaborazione, illustrando come l'accesso aperto immediato alle pubblicazioni e ai dati sia stato fondamentale per aiutare i ricercatori a trovare cure, strumenti diagnostici e vaccini nuovi Open Research Europe costituisce il passo successivo in questo processo.
La Commissione ha appaltato il servizio a un contraente esperto, F1000 Research. (aise)