Russia: l'Alto rappresentante dell’Ue Josep Borrell a Mosca

BRUXELLES\ aise\ - L'Alto rappresentante dell'Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, nonché Vicepresidente della Commissione europea, Josep Borrell, si recherà in Russia dalla sera di oggi, 4 febbraio, fino a sabato 6 febbraio. Sarà la prima visita in Russia da parte di un Alto rappresentante/Vicepresidente dell'UE dal 2017.
La visita offrirà l'occasione per discutere ad ampio raggio con il Ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, e altri interlocutori russi prima della discussione strategica del Consiglio europeo sulle relazioni UE-Russia prevista per marzo. L'Alto rappresentante Borrell si occuperà, tra l'altro, delle azioni della Russia in Ucraina e nel vicinato, dell'importanza di proseguire l'attuazione dell'accordo sul nucleare iraniano, della risposta globale alla pandemia di coronavirus e dei cambiamenti climatici.
Saranno all'ordine del giorno anche l'avvelenamento, la detenzione e la condanna del politico dell'opposizione Alexei Navalny, che l’Unione europea ha condannato come politicamente motivati e in contrasto con gli obblighi della Russia in materia di diritti umani in una dichiarazione dell'Alto rappresentante a nome dell'UE, nonché le preoccupazioni per le libertà fondamentali e i diritti umani in Russia più in generale. Durante la visita Josep Borrell incontrerà rappresentanti delle organizzazioni della società civile russa e membri della comunità accademica a Mosca.
Prima della visita l’Alto rappresentante/Vicepresidente Borrell ha dichiarato: "Le relazioni con la Russia sono tra le più complesse dell'UE. I recenti sviluppi servono solo a sottolineare ulteriormente la necessità di una visita a Mosca. Tuttavia, al di là delle questioni controverse, vi sono anche settori in cui l'UE e la Russia collaborano, o devono collaborare di più, e che richiedono la nostra urgente attenzione." (aise)