Global Gateway: la Presidente von der Leyen annuncia nuovi finanziamenti

BRUXELLES\ aise\ - La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha concluso un'intensa settimana di discussioni con diversi leader mondiali e partner internazionali, in occasione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, con una serie di impegni di stanziamento per fronteggiare l'attuale crisi alimentare, aggravata dalla guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina, e l'urgente crisi climatica e naturale e per migliorare la salute nel mondo. Intervenendo al Global Citizen Festival di New York, la Presidente ha ribadito l'impegno dell'Unione ad aiutare i suoi partner più vulnerabili nell'affrontare le ricadute sociali ed economiche delle azioni illegalmente intraprese dalla Russia e a promuovere investimenti sostenibili nell'ambito della strategia Global Gateway dell'UE.
von der Leyen, in particolare, si è impegnata a stanziare 715 milioni di euro a favore del Fondo globale per la lotta contro l'AIDS, la tubercolosi e la malaria, portando così il contributo complessivo di "Team Europa" (UE e Stati membri) a oltre 4,3 miliardi. Ha inoltre annunciato lo stanziamento di 600 milioni di finanziamenti supplementari per far fronte alla crisi globale della sicurezza alimentare nei paesi partner più vulnerabili dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico.
La Presidente ha anche annunciato un nuovo contributo di 45 milioni nell'arco di sei anni a sostegno della salute sessuale e riproduttiva, dei relativi diritti e dei diritti delle donne in tutto il mondo, e affermato che il raddoppiamento dei fondi della Commissione per la biodiversità globale si tradurrà in 7 miliardi di investimenti per la protezione della biodiversità in tutto il mondo e ha segnalato che l'Unione europea sta preparando partenariati nel settore forestale con cinque paesi: Uganda, Zambia, Congo, Mongolia e Guyana.
"Team Europa sta rispondendo all'appello dei cittadini che ci chiedono di affrontare la questione della sicurezza alimentare per prenderci cura della nostra salute e di quella del nostro pianeta”, le parole della presidente von der Leyen. “Abbiamo unito le forze per combattere la pandemia; ora dobbiamo fare lo stesso per eliminare altre malattie mortali, lottare contro la povertà e garantire equità. L'Europa farà la sua parte anche nella transizione verde globale; in vista della COP15 di dicembre, stiamo confermando un investimento senza precedenti a sostegno dei nostri partner. Esorto tutti i donatori internazionali ad allinearsi ai nostri obiettivi ambiziosi in materia di biodiversità".
Secondo Jutta Urpilainen, Commissaria per i Partenariati internazionali, "dobbiamo unirci per riportare gli obiettivi di sviluppo sostenibile sulla giusta traiettoria. Come annunciato al vertice "Trasformare l'istruzione" di questa settimana, l'UE ha aumentato considerevolmente gli investimenti nell'istruzione, acceleratore di progresso per tutti gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Con quanto annunciato oggi, esortiamo la comunità internazionale a unirsi a noi per investire di più, e in modo più equo ed efficiente, nelle persone e nel pianeta".
POTENZIARE IL SOSTEGNO DELL'UE AI PAESI PIÙ VULNERABILI DELL'AFRICA, DEI CARAIBI E DEL PACIFICO COLPITI DALLA CRISI ALIMENTARE
La Commissione europea ha riorientato 600 milioni del 10º e dell'11º Fondo europeo di sviluppo verso il finanziamento di aiuti umanitari immediati e il sostegno della produzione alimentare sostenibile e della resilienza dei sistemi alimentari nei paesi partner più vulnerabili dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico. Con questi fondi l'UE aiuterà i suoi partner ad affrontare le conseguenze della guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina, in particolare la crisi della sicurezza alimentare e il relativo shock economico, rafforzando la loro autonomia. Dei 600 milioni supplementari, 160,5 milioni sono stati stanziati per l'Africa occidentale e centrale, 146 milioni per l'Africa orientale e la regione dei Grandi Laghi, 76,5 milioni per l'Africa australe, 36,5 milioni per i Caraibi e 10 milioni per il Pacifico.
Altri 52,5 milioni di euro saranno specificamente destinati alla finanza sostenibile e agli investimenti per l'agricoltura sostenibile, oltre che alle catene del valore agroalimentari a livello continentale e regionale, mentre ulteriori 100 milioni forniranno un sostegno macroeconomico ai paesi a basso reddito dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico mobilitando prestiti agevolati attraverso un contributo al fondo fiduciario per la riduzione della povertà e la crescita del Fondo monetario internazionale, creando così un margine di bilancio per aiutare tali paesi ad affrontare la crisi alimentare.
Secondo le stime, il sostegno totale dell'UE alla sicurezza alimentare mondiale e ai sistemi alimentari fino al 2024 dovrebbe così raggiungere più di 7,7 miliardi. Oltre ai 600 milioni supplementari, 2,2 miliardi verranno destinati all'assistenza umanitaria alimentare e nutrizionale immediata per i paesi più vulnerabili e 5 miliardi verranno investiti in sistemi alimentari sostenibili a medio e lungo termine.
SOSTENERE LA SALUTE SESSUALE E RIPRODUTTIVA E I RELATIVI DIRITTI IN TUTTO IL MONDO
L'UNFPA è l'agenzia delle Nazioni Unite, attiva in circa 150 paesi del mondo, che si occupa di salute sessuale e riproduttiva. Il suo obiettivo è creare un mondo in cui tutte le gravidanze siano volute, tutti i parti siano sicuri e si valorizzi il potenziale di tutti i giovani.
Il partenariato per le forniture dell'UNFPA aiuta i paesi a rafforzare i loro sistemi sanitari con l'offerta di servizi riguardanti la salute sessuale e riproduttiva, comprese le opzioni contraccettive, a tutte le persone in età fertile. Il programma vuol includere 54 paesi con tassi elevati di mortalità materna e con lacune in termini di pianificazione familiare.
Con il contributo supplementare di 45 milioni di euro della Commissione europea, il partenariato per le forniture dell'UNFPA contribuirà a salvare e migliorare la vita delle donne e delle adolescenti che ne hanno più bisogno, fornendo loro contraccettivi moderni e medicinali salvavita per la salute delle madri.
L'UE resta fortemente impegnata a promuovere la salute sessuale e riproduttiva, i relativi diritti e i diritti delle donne, come sancito dal consenso europeo in materia di sviluppo e dal piano d'azione dell'UE sulla parità di genere e l'emancipazione femminile nell'azione esterna.
LOTTA CONTRO L'HIV, LA TUBERCOLOSI E LA MALARIA E PER UNA SALUTE MIGLIORE PER TUTTI
All'inizio della scorsa settimana, in occasione della settima conferenza di rifinanziamento del Fondo organizzata a New York, la Commissione europea ha annunciato un nuovo impegno record di 715 milioni da stanziare per il Fondo globale per il periodo 2023-2025. L'Unione europea e i suoi Stati membri sono tra i principali finanziatori del Fondo globale, con impegni di stanziamento combinati di oltre 4,3 miliardi per il periodo 2023-2025, a testimonianza del forte impegno di "Team Europa" a favore del Fondo globale per la lotta contro l'AIDS, la tubercolosi e la malaria.
In soli 20 anni il partenariato del Fondo globale ha salvato 50 milioni di vite umane e ha ridotto di oltre la metà il numero dei decessi causati da queste tre patologie. Tuttavia, ancor oggi la malaria uccide, da sola, quasi un bambino al minuto.
L'obiettivo del Fondo globale per il periodo 2023-2025 è salvare altri 20 milioni di vite umane, evitare oltre 450 milioni di infezioni, ridurre del 64% il tasso di mortalità dovuto all'HIV, alla tubercolosi e alla malaria e costruire un mondo più sano ed equo, anche attraverso investimenti che rafforzino i sistemi sanitari e le reti comunitarie.
FINANZIAMENTI GLOBALI PER LA BIODIVERSITÀ
L'annuncio della Presidente riguardante un investimento di 7 miliardi di euro per la protezione della biodiversità in tutto il mondo dà concretamente seguito all'impegno assunto lo scorso anno a raddoppiare i finanziamenti per la biodiversità per il periodo 2021-2027, in particolare per i paesi più vulnerabili. L'annuncio giunge in un momento cruciale, in vista della conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità che si terrà a Montréal in dicembre e nel corso della quale dovrebbe essere adottato un quadro globale in materia di biodiversità.
L'Unione europea e gli Stati membri hanno già iniziato a concretizzare questo impegno sul campo. Tramite l'iniziativa "NaturAfrica", ad esempio, l'UE aiuta i paesi partner africani a coniugare lo sviluppo socioeconomico con la protezione della natura. Il contributo dell'UE all'iniziativa "Grande muraglia verde" guidata dall'Unione africana è un altro esempio di sostegno a un mosaico di paesaggi verdi e produttivi che punteggiano i paesi del Sahel e del Corno d'Africa, dal Senegal a Gibuti e alla Somalia. Attraverso il progetto Regreening Africa, l'UE sostiene il ripristino di un milione di ettari di terreni, a beneficio di 500 000 famiglie in Mali, Niger, Senegal, Ghana, Etiopia, Kenya, Somalia e Ruanda.
La Commissione sta inoltre realizzando i suoi primi partenariati nel settore forestale, che dovrebbero essere firmati quest'anno, per aiutare i paesi partner a gestire, proteggere e ripristinare in modo sostenibile le loro foreste a vantaggio delle loro popolazioni e di uno sviluppo a lungo termine. (aise)