“DENTRO LO SPECCHIO”: L'IIC PORTA L'ITALIA AL MUSEO D’ARTE DEL XX E XXI SECOLO DI SAN PIETROBURGO

“DENTRO LO SPECCHIO”: L

SAN PIETROBURGO\ aise\ - Nell’ambito delle attività di promozione e diffusione della cultura italiana all’estero, l’Istituto Italiano di Cultura di San Pietroburgo ha il piacere di annunciare la partecipazione di diciotto artisti italiani alla mostra internazionale “Dentro lo Specchio”, organizzata dal Museo d’Arte del XX e XXI secolo di San Pietroburgo dal 10 novembre 2020 al 31 gennaio 2021.
Gli artisti che rappresenteranno l’Italia, selezionati a cura di una commissione di esperti, provengono da tutto il territorio nazionale e delineano uno spaccato della scena creativa contemporanea italiana: Luisa Albert, Laura Ambrosi, Silvia Beccaria, Giulia Berra, Fabio Bianco, Carolina Ciuccio, Penelope Chiara Cocchi, Cristiana Fasano, Stefania Fersini, Sergio Illuminato, Dario Imbò, Massimo Marchioro, Giuseppe Modica, Giulia Nelli, Gonzalo Orquin, Elisa Sighicelli, Luisa Valentini, Gabriele Zago.
La mostra tematica organizzata dal Museo d’Arte del XX e XXI secolo di San Pietroburgo–MISP e dall’Istituto Italiano di Cultura di San Pietroburgo rappresenta uno degli eventi di punta nel programma annuale del MISP, che quest’anno ha scelto lo specchio e il riflesso come concetto intorno al quale sviluppare il progetto espositivo.
Sono stati selezionati centrotrenta artisti contemporanei (provenienti da Russia, Italia, Francia, Spagna, USA, Grecia, Israele, Cipro, Rep. Ceca) attraverso le opere dei quali si cercherà di offrire al pubblico uno sguardo sulle infinite interpretazioni ispirate al tema dello specchio.
Guardarsi allo specchio apre le porte all’infinito cosmico, al vuoto spaziale e a mondi paralleli con le loro magiche metamorfosi. Da qui la scelta del titolo “Dentro lo Specchio” che allude alla natura misteriosa e metafisica del “vetro che guarda”, usato per aprire il velo del tempo e penetrare nel passato e nel futuro. Nella visione artistica lo specchio diventa simbolo di introspezione e di divinazione, mostra il mondo riflesso, cambia la percezione delle cose, si appropria di immagini, forme e colori, assume il potere di trasformare l’inganno in realtà e le verità terrene in illusioni.
Nei tre piani dello spazio espositivo del Museo, le straordinarie opere pittoriche dei maestri storici dell’Arte di San Pietroburgo, come Andrey Goncharov, Yury Vasnetsov, Aleksandr Vedernikov e Mikhail Demidov, dialogheranno con le affascinanti creazioni di Daniel Rozin (USA) e Arnaud Lapierre (Francia) e con lavori sperimentali e installazioni concettuali della nuova generazione di artisti.
In questa ottica, la selezione degli artisti italiani si è basata su criteri di qualità, coerenza creativa e originalità del progetto, seguendo le diverse poetiche, i molteplici percorsi artistici e le differenti tendenze che compongono l’attuale panorama delle arti visive in Italia e cercando di far emergere elementi d’ispirazione che affondano le loro radici nella Storia e nella Cultura italiana. Ne scaturisce così un interessante mosaico dai differenti toni che, nonostante la diversità delle proposte, mantiene la sua forte riconoscibilità e matrice italiana, evidenziando la ricchezza nonché la complessità della ricerca artistica nelle sue numerose forme espressive.
Il Museo d'Arte di San Pietroburgo del XX e XXI secolo (MISP) è depositario di una collezione unica che offre un completo panorama della produzione artistica di San Pietroburgo. La collezione ha iniziato a formarsi nel 1991 con la prospettiva di diventare il nucleo del Museo Civico di Arte Moderna. Conta piu’ di 3.000 opere di pittura, scultura, incisione, ceramica, arti applicate, design, installazioni, oltre ad uno straordinario e raro archivio fotografico, dagli inizi del 1900 fino ad oggi.
Dal 2016 il MISP si è spostato nella nuova sede in Griboyedov Canal, nel cuore della città, in un edificio storico del 1842. Il complesso architettonico a tre piani, comprende sei sale espositive, una sala multimediale e una corte interna. Il MISP ha una ricca programmazione di mostre temporanee, un’attività espositiva anche in Russia e all'estero ed è un punto di riferimento per la realtà culturale della città, con una media di 420.000 visitatori l’anno. Il Dipartimento Educativo offre visite guidate per adulti e bambini, corsi, laboratori, seminari, incontri con artisti. (aise)


Newsletter
Archivi