LA XIX SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO A BELGRADO

LA XIX SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO A BELGRADO

BELGRADO\ aise\ - Manifestazione promossa dalla rete culturale e diplomatica italiana ogni anno nel mese di ottobre con un vasto programma culturale focalizzato intorno alla diffusione della lingua italiana, la Settimana della lingua italiana nel mondo verrà celebrata anche a Belgrado dove l’Istituto italiano di cultura ha organizzato diversi eventi.
Si comincia lunedì 21 con la presentazione del libro “Malaparte, vite e leggende” alla presenza dell’autore Maurizio Serra, diplomatico e scrittore. Organizzata dalla casa editrice “Sluzbeni glasnik” che ne ha curato l’edizione in serbo pubblicata nel 2019, in collaborazione con l’IIC, la presentazione inizierà alle 17.00 nell’ambito della 64a edizione della Fiera del libro di Belgrado.
La vita incredibile di Curzio Suckert detto Malaparte (1898-1957) viene raccontata in questa nuova biografia di Maurizio Serra basata su un'ampia documentazione inedita e su corrispondenze e testimonianze nuove raccolte dall’autore.
Sempre lunedì, alle 19.30 Concerto di Gala presso l’Opera e il Teatro Madlenianum. Partecipano Donata D’Annunzio Lombardi (soprano), Branislava Podrumac (soprano), Angelo Fiore (tenore) e Nikola Mijailovic (baritono) sotto la direzione del Maestro Alberto Veronesi.
Il concerto si inserisce nella cornice delle celebrazioni dei 140 anni dallo stabilimento di relazioni diplomatiche tra l’Italia e la Serbia e i 10 anni dall’istituzione del partenariato strategico tra Roma e Belgrado.
Mercoledì 23 alle 20 l’Istituto ospiterà lo spettacolo teatrale ispirato alla novella “Chichibio e la gru” tratta dal Decameron di Giovanni Boccaccio a cura di un gruppo di studenti del Terzo liceo di Belgrado.
Giovedì 24 presso il Dipartimento di Italianistica della Facoltà di Filologia dell’Università di Belgrado, alle 12.00, conferenza “Il vocabolario Zingarelli, "palcoscenico" della lingua italiana da Dante al selfie” a cura di Mario Cannella, curatore del vocabolario Zingarelli.
Ancora teatro il 30 ottobre: “Leonardo Da Vinci. L’opera nascosta” il titolo dello spettacolo di Michele Santeramo con la regia di Gianluca Barbadori, in programma alle 20.30 presso il Teatro dei giovani a Novi Sad.
La prima dello spettacolo ha avuto luogo il 5 ottobre scorso presso il Teatro Bitef di Belgrado. Lo spettacolo nasce in Italia come un monologo ma per la sua costruzione drammaturgica si presta anche alla messa in scena con più attori. Per questo motivo nella versione che viene presentata in Serbia in scena ci sono un attore ed un’attrice, Maja Susa e Zoltan Molnar.
Durante la Settimana sono previsti incontri con gli studenti con proiezioni di film italiani presso la Facoltà di Filosofia dell’Università di Novi Sad.
È stato inoltre avviato un concorso online intitolato “L’italiano sul palcoscenico” promosso sulle piattaforme social dell’IIC Belgrado (Facebook, Instagram e Twitter). Il concorso è aperto a tutti e prevede l’invio di un breve filmato (della durata non superiore a 30 secondi) o di un testo (fino a 200 parole) in italiano o in serbo sul tema “L’italiano sul palcoscenico”. (aise) 

Newsletter
Archivi