SÌ DELL’ONU ALLA MORATORIA UNIVERSALE DELLA PENA DI MORTE

Sì dell’ONU alla moratoria universale della pena di morte

ROMA\ aise\ - Grazie all’impegno dell’Italia, dell’UE e degli altri promotori della campagna internazionale contro la pena di morte, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato l’ottava risoluzione biennale per una moratoria universale della pena di morte con il numero record di 123 voti a favore. L’annuncio campeggia sul sito Internet e sui canali sociale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, che da anni porta avanti in ogni sede la battaglia italiana contro la pena di morte.
“L’Italia ha svolto un’intensa azione in vista dell’adozione della risoluzione, contribuendo a far crescere il numero dei Paesi che sostengono la moratoria rispetto alla precedente votazione nel 2018 e a ridurre considerevolmente l’astensionismo”, afferma la Farnesina in una nota, in cui ricorda che “l’intera rete diplomatica italiana si è mobilitata per sensibilizzare il più alto numero di Paesi su questo importantissimo tema. Il ministro Di Maio a margine della 75a sessione dell’Assemblea Generale (24 settembre 2020) ha presieduto un evento internazionale di alto livello per sensibilizzare la Comunità internazionale circa gli effetti della pena di morte sulle donne che ne sono vittime, sia come condannate che come familiari di condannati”.
“Un contributo fondamentale a questo successo”, riconosce il Ministero, “è stato offerto dalla costante e proficua collaborazione della Farnesina con i partner dell’UE e soprattutto con le organizzazioni della società civile che sono parte della Task Force MAECI-società civile sulla pena di morte, presieduta quest’anno dalla vice ministra Sereni: Amnesty International Italia, Comunità di Sant’Egidio e Nessuno Tocchi Caino”.
Per la Farnesina “lo straordinario risultato in termini di voto si accompagna anche a progressi significativi nel testo della risoluzione rispetto a quello del 2018, tra cui il riconoscimento del ruolo della società civile nella lotta contro la pena di morte; il riferimento all'applicazione discriminatoria della pena di morte nei confronti delle donne; l’invito agli Stati a garantire che parenti e rappresentanti legali delle persone condannate a morte ricevano informazioni adeguate sulla loro condizione”.
“La pena di morte è una pena inaccettabile e crudele”, conclude la Farnesina, “che non ha valore deterrente nei confronti del crimine, mentre rende ogni errore giudiziario fatalmente irreversibile”. (aise)



Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi