Caraibi: il MASE alla riunione del Comitato di cooperazione congiunto

NEW YORK\ aise\ - Si è tenuta il 28 giugno scorso, presso la Rappresentanza d'Italia alle Nazioni Unite a New York, la prima riunione del Comitato Congiunto nel quadro del Protocollo d’Intesa tra il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e i 9 Paesi dell’Area Caraibica (Antigua e Barbuda, Belize, Dominica, Guyana, Haiti, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine e Suriname) che lo hanno, ad oggi, sottoscritto.
A sottolineare l’importanza strategica per l’Italia della cooperazione ambientale in favore degli stati insulari dei Caraibi, fortemente colpiti dagli effetti negativi del cambiamento climatico, la riunione è stata aperta dall’Ambasciatore Plenipotenziario della Missione Permanente dell’Italia presso nel Nazioni Unite, Maurizio Massari, e dall’Inviato Speciale per i Paesi caraibici, Gianni Piccato.
L’incontro è stato anche l’occasione per incardinare nella cornice del nuovo Protocollo i progetti di cooperazione già in corso, per approvare i documenti quadro di funzionamento dell’Accordo e per presentare le priorità dei Paesi coinvolti per la transizione ecologica e lo sviluppo sostenibile e nel contrasto al cambiamento climatico e ai suoi impatti negativi sui loro delicati e preziosi ecosistemi. (aise)