Dall’indicibile al visibile: all’IIC di Belgrado un dialogo tra architettura e storia

BELGRADO\ aise\ - In occasione del Giorno della Memoria, che viene celebrato il 27 gennaio di ogni anno in ricordo delle vittime dell’Olocausto, l’Istituto Italiano di Cultura di Belgrado presenta online un dialogo tra Guido Morpurgo e Milovan Pisarri dal titolo “Dall’indicibile al visibile: interpretare la Memoria della Shoah tra documento e progetto. Un dialogo tra architettura e storia”.
Interverranno l’Ambasciatore d’Italia in Serbia, Carlo Lo Cascio, e Robert Sabadoš, presidente della Federazione delle comunità ebraiche di Serbia.
Guido Morpurgo (Milano, 1964), architetto PhD e accademico nazionale di San Luca, è professore associato di Architettura degli interni e allestimento presso l’Università Iuav di Venezia. Attraverso l’attività di ricerca in architettura ha conseguito riconoscimenti nazionali e internazionali per opere realizzate e progetti universitari. Al Memoriale della Shoah di Milano (2009-2022) sono stati conferiti la Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana (Menzione d’onore Interni, 2015), il vincolo monumentale del Ministero della Cultura (2017) e il Premio Nazionale In/Architettura (2020). Nell’ambito delle tematiche connesse alla Shoah ha realizzato la nuova sede del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano (2022) e diverse mostre tra cui ...ma poi, che cos’è un nome? sulle Leggi antiebraiche del 1938 (Triennale di Milano, 2018) e il laboratorio didattico Waliców Project per il recupero di un frammento dell’ex Ghetto di Varsavia, (2016-20) oggetto di mostre, pubblicazioni e premi internazionali.
È invitato a consultazioni e mostre dallo Iuav, Accademia Nazionale di San Luca e Triennale di Milano.
Tiene conferenze in città italiane ed estere e pubblica scritti sulla ricerca progettuale in architettura.
Milovan Pisarri (1980), PhD, storico, ricercatore presso l'Istituto di filosofia e teoria sociale dell'Università di Belgrado. Da anni si occupa della Shoah e del genocidio dei Rom in Serbia e nei Balcani attraverso ricerche, pubblicazioni scientifiche ed educative, organizzazione di eventi commemorativi a livello nazionale ed internazionale. Già borsista della fondazione tedesca Gerda Henkel, sta lavorando alla pubblicazione di un volume sulla Shoah e i bystanders a Belgrado tra il 1941 e il 1942.
Il webinar si terrà giovedì 27 gennaio alle ore 18.00 sulla piattaforma Zoom e in streaming su Facebook. La partecipazione al webinar è libera, previa registrazione, fino ad esaurimento posti.
L’evento si svolgerà in italiano e serbo con traduzione simultanea. (aise)