MONTENEGRO: LA FACOLTÀ DI FILOLOGIA DI NIKSIC DIVETNA CENTRO ACCREDITATO PER LA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA

MONTENEGRO: LA FACOLTÀ DI FILOLOGIA DI NIKSIC DIVETNA CENTRO ACCREDITATO PER LA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA

PODGORICA\ aise\ - Con la firma di un Accordo tra i Rettori dell'Università del Montenegro e dell'Università per stranieri di Perugia, la Facoltà di Filologia di Niksic, tramite il Dipartimento di lingua e letteratura italiana, è ora Centro accreditato per la conoscenza della lingua italiana. Ne dà notizia l’Ambasciata d’Italia a Podgorica, spiegando che da quest'anno anche in Montenegro sarà possibile sostenere l'esame per l'ottenimento di un certificato di conoscenza della lingua italiana riconosciuto a livello internazionale, il CELI, rilasciato dall'Università per Stranieri di Perugia, secondo i livelli di conoscenza di standard europeo (da A1 a C2).
L’esame si compone di una parte scritta e di una parte orale e si svolge in tre periodi dell’anno, contemporaneamente in tutti i centri accreditati del mondo: 1) a marzo, sessione primaverile per i primi 4 livelli (A1-B2); 2) a giugno, sessione estiva per tutti e 6 i livelli (A1-C2); 3) a novembre, sessione autunnale per tutti e 6 i livelli (A1-C2).
Le date esatte delle date degli esami sono stabilite dal Centro per la valutazione e l'emissione dei certificati linguistici dell'Università di Perugia (CVCL) e pubblicate sul sito www.cvcl.it.
“L’introduzione del CELI in questo Paese è il risultato degli sforzi del Dipartimento di Lingua e Letteratura italiana di Niksic dell'Università del Montenegro, con il forte sostegno dell'Ambasciata d’Italia”, sottolineano da Podgorica, “nella convinzione che la possibilità di ottenere un certificato ufficiale e riconosciuto di conoscenza della lingua non sia solo un buon motivo per imparare l'italiano, ma anche un utile strumento per favorire chi intenda proseguire gli studi in Italia o entrare nel mondo del lavoro”.
Sino ad oggi, l'unico modo per i cittadini montenegrini di ottenere il CELI, a qualunque livello, era di sostenere l'esame in Italia o in altri Paesi vicini dove già esiste un Centro accreditato, con notevoli costi aggiuntivi in termini di tempo nonché spese di viaggio e soggiorno. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi