Draghi in Parlamento: l’unità è un dovere

ROMA\ nflash\ - “Non vi è mai stato, nella mia lunga vita professionale, un momento di emozione così intensa e di responsabilità così ampia”. È iniziato questa mattina in Senato il cammino verso la fiducia del Governo guidato da Mario Draghi. Il premier ha reso le dichiarazioni programmatiche a Palazzo Madama per poi depositarle alla Camera. Il dibattito proseguirà per tutta la giornata di oggi in Senato – con diverse pause per la sanificazione degli ambienti – fino al voto atteso per le 22.00. Domani toccherà alla Camera. Nel suo lungo intervento, Draghi ha ringraziato Mattarella, ma anche Conte, ha citato Cavour e Papa Francesco, ha garantito che le informazioni del Governo ai cittadini saranno tempestive, confermato che dall’euro non si torna indietro, che il sovranismo è “solitudine”, rivendicato lo “spirito repubblicano” del suo Governo chiamato in causa nell’ora più buia. (nflash)