Tunisia-Fvg: il Console Boubakri visita al Consiglio regionale

TRIESTE\ aise\ - "La visita a Trieste del Console generale della Tunisia a Milano ha rinnovato la tradizionale amicizia fra la nostra regione e il Paese magrebino. Sono numerosi i progetti che negli ultimi anni sono stati implementati nei settori della cooperazione internazionale e della cultura. Senza dimenticare che continuano a essere particolarmente proficui gli scambi commerciali fra il Friuli Venezia Giulia e lo Stato più settentrionale dell'Africa". Lo ha affermato il vice presidente di Regione Friuli Venezia Giulia, Mario Anzil, che ieri, 29 novembre, ha accolto nel Palazzo della Regione il Console Generale della Repubblica Tunisina, Nasreddine Boubakri.
"La comunità tunisina in Friuli Venezia Giulia conta solo 1.200 residenti ma si tratta di una presenza storica per il nostro territorio. Allo stesso tempo - ha ricordato Anzil - il rapporto che lega il nostro Paese alla giovane Repubblica presidenziale, oltre ad essere di carattere commerciale ed economico, deve essere soprattutto culturale, mettendo in relazione popolazioni che si affacciano entrambe al Mediterraneo".
Nel corso del colloquio, che si è svolto in un clima estrema cordialità, Anzil e Boubakri si sono soffermati in particolare sulle potenzialità turistiche del Friuli Venezia Giulia e della Tunisia. Fra gli obiettivi del console generale anche il progetto di un gemellaggio fra Trieste e Hammamet, una delle località turistiche del Paese nordafricano maggiormente frequentate.
Sono numerosi i progetti di cooperazione italo-tunisini che ammontano a circa 700 milioni di euro e riguardano ambiti importanti per lo sviluppo come l'agricoltura, l'istruzione, la formazione professionale, la sanità e i servizi di base.
Per quanto riguarda le recenti relazioni con il Friuli Venezia Giulia vanno citati "Med-Net", la proposta che puntava a rafforzare il ruolo della società civile nel processo di riforme democratiche e sociali, "Formazione in azione" per favorire la partecipazione e la socializzazione dei giovani in percorsi di crescita personale, "Med-Bridges" che ha proposto un piano di interventi per il rafforzamento delle relazioni interculturali ed istituzionali e "Iniziativa Med" che ha promosso la cooperazione in campo culturale attraverso un'azione pilota con il coinvolgimento della Fondazione Aquileia e del Museo del Bardo di Tunisi.
Tra le progettualità portate avanti negli ultimi anni anche il partenariato coordinato dalla Regione insieme all'Ictp per esportare il modello della Protezione civile legato alla prevenzione dei rischi sismici. (aise)